la gioconda Pashtun

Arrestata Sharbat Gula, la ‘Monna Lisa della guerra afgana’

La 'ragazza afghana' dagli occhi verdi, che ha raggiunto la fama mondiale nel 1985 grazie alla rivista National Geographic, è stata arrestata a Peshawar martedì scorso

MILANO – La ‘ragazza afghana’ dagli occhi verdi, che ha raggiunto la fama mondiale nel 1985 grazie alla rivista National Geographic, è stata arrestata a Peshawar martedì scorso.

SHARBAT GULA – Negli ultimi anni Sharbat Gula è stata indagata dalle autorità pakistane che avevano scoperto che viveva nel Paese con documenti di identità falsi. Gula è stata arrestata per la falsificazione di una carta di identità. Alla fine di febbraio 2015 i documenti di identità concessi alla quarantenne e a due suoi presunti figli erano stati annullati perché ritenuti falsi.

LEGGI ANCHE: McCurry, oltre lo sguardo

IL RITRATTO – Il suo ritratto realizzato da McCurry è apparso sulla copertina di giugno del 1985 della rivista National Geographic ed è riconosciuto come ‘il suo ritratto più riconosciuto’. Il suo sguardo intenso le è valso il paragone con il famoso dipinto ‘Monna Lisa’. Sharbat era stata raffigurata al di fuori di un campo profughi diventando il simbolo del costo umano della guerra sovietica. Steve McCurry nel 1990 iniziò a ricercarla. Dopo diversi tentativi falliti la trovò in Afghanistan. La sua identità è stata confermata utilizzando il riconoscimento dell’iride. Non aveva mai visto la sua immagine fino al 2002.

LEGGI ANCHE: McCurry firma la nuova campagna moda di Valentino

    L’India di Steve McCurry in un nuovo libro fotografico

© Riproduzione Riservata
Commenti