ARTE - Dal 18 al 20 settembre a Genova

“Rolli days”, Genova apre i suoi palazzi al pubblico

Dal 18 al 20 settembre apertura straordinaria dei Palazzi dei Rolli, Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco, in occasione dei Rolli Days. Saranno visitabili 21 Palazzi e 2 ville storiche, si passeggerà tra sculture sonore, verranno proiettati film- installazioni e si potrà partecipare a visite guidate gratuite.
"Rolli days",Genova apre i suoi palazzi al pubblico

MILANO – Dopo il grande successo delle ultime edizioni, con oltre 100.000 presenze in quattro giorni a maggio, prosegue la valorizzazione dei magnifici palazzi edificati tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600 da nobili famiglie come residenze private e destinati all’ospitalità di stato della Repubblica di Genova. Da oggi e fino al 20 settembre tornano i Rolli Days, l’evento che vuole fare conoscere al pubblico il Sistema dei Palazzi dei Rolli e delle Strade Nuove, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 2006.

PALAZZI IN LUCE – Questa edizione di Rolli Days si aprirà oggi con un’anticipazione serale con “Palazzi in luce”, un itinerario da Piazza Fontane Marose a Strada nuova fino a Piazza della Meridiana in cui si apriranno le grandi finestre dei palazzi e le luci accese illumineranno i piani nobili, gli affreschi e le vedute interne, offrendo una visione d’insieme sorprendente degli ambienti affacciati sulla strada. Come da consuetudine, durante la visita ai palazzi sarà possibile avere informazioni storico artistiche da parte di studenti e ricercatori dell’Università degli Studi di Genova, che forniranno il loro prezioso contributo. Nell’ambito del progetto, venerdì 18 settembre in occasione di Palazzi in Luce, proiezione del film- installazione The Dead (2000) presso l’Altrove-Teatro della Maddalena, dalle ore 20 alle ore 21.

LE NOVITA’ DI QUEST’ EDIZIONE – Saranno aperti 21 Palazzi e due ville storiche, visitabili gratuitamente, salvo eccezioni segnalate nel programma. Due le novità assolute già confermate per questa edizione: Palazzo Nicola Grimaldi, Vico San Luca,2 – dove sarà visitabile per la prima volta il piano nobile sede della Fondazione Labò; e Villa Pallavicino delle Peschiere, splendida villa suburbana (ma oggi compresa nel centro città) progettata da Galeazzo Alessi per il ricchissimo Tobia Pallavicino, proprietario anche del Palazzo oggi sede della Camera di Commercio in via Garibaldi. La Villa rappresenta una delle testimonianze più affascinanti della grande stagione dell’architettura rinascimentale a Genova. Inoltre, dopo il grande successo di giugno, anche per questa edizione verrà straordinariamente aperto al pubblico Palazzo Lomellini Patrone, con il suo magnifico ciclo di affreschi.

INSTALLAZIONI SONORE – Durante i Rolli Days saranno allestite le installazioni sonore di Susan Philipsz del progetto Follow Me. La voce dell’artista guiderá i visitatori in una passeggiata che va dal cortile di Palazzo Reale attraverso Via Garibaldi e i Palazzi dei Rolli, per il cortile centrale di Palazzo Ducale per finire nel parco di Villa Croce. Susan Philipsz esplora la relazione tra arte, architettura, emozioni personali e spazi pubblici concentrandosi sulle continue trasformazioni della percezione pubblica dell’opera, tra atto performativo e oggetto scultoreo.

I ROLLII Palazzi dei Rolli, oggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO, erano residenze costruite dalle famiglie aristocratiche più ricche e potenti della Repubblica di Genova, all’apice del suo potere finanziario e marittimo, tra il Cinquecento e il Seicento.I “Rolli” erano gli elenchi dei palazzi e delle dimore eccellenti destinati a ospitare per estrazione a sorte le alte personalità in transito per visite di stato. Un innovativo sistema architettonico e una cultura residenziale che divennero famosi presso tutte le Corti d’Europa.

VISITE GUIDATE – Con la collaborazione di guide professioniste saranno organizzati percorsi all’interno del centro storico, alla scoperta dei tesori custoditi in alcune chiese e dimore appartenenti al Sistema dei Rolli, dove arte e architettura narrano le storie delle potenti famiglie che cambiarono il volto della città.

18 settembre 2015

© Riproduzione Riservata