Record di visite per ”La ragazza con l’orecchino di perla”, in mostra in Italia

Nei primi 9 giorni sono state ben 28.868 le persone che hanno visitato ''La ragazza con l'orecchino di perla'' a Palazzo Fava, a Bologna, dove l'esposizione sarà allestita fino al 25 maggio. Un record che ne fa la mostra italiana più visitata...

Con più di 28 mila visitatori nei primi 9 giorni e svenimenti per l’emozione davanti al quadro, ‘La ragazza con l’orecchino di perla’ è la mostra di maggior successo in Italia

MILANO – Nei primi 9 giorni sono state ben 28.868 le persone che hanno visitato ‘La ragazza con l’orecchino di perla’ a Palazzo Fava, a Bologna, dove l’esposizione sarà allestita fino al 25 maggio. Un record che ne fa la mostra italiana più visitata. Marco Goldin, il curatore, non nasconde la sua legittima soddisfazione.

PASSAGGIO DI TESTIMONE – Ha immediatamente raccolto il testimone da Verona in testa alle classifiche delle mostre italiane più viste.  Per molte settimane, al vertice di queste classifiche si era stabilmente collocata la mostra veronese “Verso Monet”, da lui ugualmente curata, e dedicata alla storia del paesaggio dal Seicento al principio del Novecento. Chiusa la tappa veronese alla Gran Guardia, il vertice in classifica è stato immediatamente occupato dalla mostra bolognese sul capolavoro assoluto di Vermeer, accompagnato da altri 36 straordinari dipinti della Golden Age olandese.

RECOD DI AFFLUENZA ED EMOZIONE – Nei primi nove giorni di apertura, la Ragazza con l’orecchino di perla ha richiamato a Palazzo Fava 28.868 visitatori, con una media superiore a 3200 ammiratori al giorno, con punte superiori a 4 mila il sabato e la domenica. Numeri incredibili data la dimensione della sede espositiva, famosa come si sa anche per gli affreschi dei Carracci.
E “ammiratori” è il termine esatto, vista l’emozione che tutti provano davanti alla Ragazza, al punto che si sono registrati persino alcuni episodi di malessere e svenimento. Vera e propria sindrome di Stendhal davanti a Vermeer.

18 febbraio 2014

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata