Addio a Henning Mankell, celebre autore di romanzi polizieschi

Lo scrittore svedese Henning Mankell, celebre autori di romanzi polizieschi, ci ha lasciato all'età di 67 anni
Addio a Henning Mankell, celebre autore di romanzi polizieschi
Lo scrittore svedese Henning Mankell, celebre autori di romanzi polizieschi, ci ha lasciato all'età di 67 anni

MILANO – E’ morto all’età di 67 anni lo svedese Henning Mankell, celebre e amatissimo autore di romanzi polizieschi. Il suo personaggio più celebre è il commissario Kurt Wallander, dalle qui indagini è stata tratta una popolare serie televisiva. Mankell aveva annunciato al mondo attraverso il suo sito web di essere malato di tumore, al collo e al polmone sinistro, nel gennaio del 2014.

LA VITA E LE OPERE – Ha vissuto tra la Svezia e il Mozambico, dove a Maputo dirige il teatro Avenida. È l’autore della fortunatissima serie del commissario Wallander, pubblicata in molti paesi.  In traduzione italiana si contato, tra gli altri: il giallo Il ritorno del maestro di danza (2010), il romanzo Scarpe italiane (2008), i romanzi di ambientazione africana Comédia infantil (2001) e Il figlio del vento (2002) e il libro testimonianza Io muoio, ma il ricordo vive. Un’altra battaglia contro l’Aids (2005). Tra i suoi ultimi romanzi pubblicati in Italia per Marsilio: Il cinese  (2009), L’uomo inquieto (2010), Ricordi di un angelo sporco (2012),La mano (2013), L’occhio del leopardo (2014). Sempre nel 2014, esce per Marsilio la raccolta GialloSvezia. Racconti inediti dei maestri del giallo svedese, in cui, tra gli altri, appare il suo racconto Un incontro improbabile, scritto con Håkan Nesser. Henning Mankell in tutta la sua carriera ha pubblicato circa 30 libri per oltre 30 milioni di milioni di copie venute, tradotte in 40 lingue.
5 ottobre 2015 
© Riproduzione Riservata