6 mostre di fotografia da non perdere

Gli eventi del nuovo anno per scoprire nudi artistici, nuovi interpreti, i big dell'obbiettivo e il fascino orientale in Italia
6 mostre di fotografia da non perdere.
Gli eventi del 2016 per scoprire nudi artistici, nuovi interpreti, i big dell'obbiettivo e il fascino orientale

MILANO – Il nuovo anno porta tanti eventi e rassegne dedicate alla fotografia. Nudi artistici, nuovi interpreti, i big dell’obbiettivo, il fascino orientale, ecco 6 eventi da non perdere per tutti i fotoamatori.

 

GESTURES – Women in action. La nuova esposizione dedicata al girl power al Merano Arte – Edificio Cassa di Risparmio. Dal 6 Febbraio al 10 Aprile 2016 la mostra, curata da Valerio Dehò, presenta 40 opere – fotografie, video, oggetti e collage – che ripercorrono le espressioni più significative della Body Art femminile dagli anni Sessanta ad oggi, partendo da Yoko Ono, Marina Abramovic, Valie Export, Yayoi Kusama, Ana Mendieta, Gina Pane, Carolee Schneemann, Charlotte Moorman, Orlan, fino a Sophie Calle, Jeanne Dunning, Regina José Galindo, Shirin Neshat, Silvia Camporesi e Odinea Pamici.

 

 

HERB RITTS – Milano, al Palazzo della Ragione Fotografia, dal  20 febbraio al 5 giugno 2016 una delle mostre più promettenti del 2016. Creatore delle immagini più incisive, sognanti e perfette dello star system hollywoodiano, Herb Ritts è stato un grande interprete della fotografia internazionale. Suoi sono molti dei ritratti che hanno costruito, è proprio il caso di dirlo, celebrities come Madonna, Michael Jackson o Richard Gere. Sue sono le fotografie patinate e oniriche della moda, dove gli abiti lucenti di Versace, i corpi perfetti delle modelle, sono immersi in una luce piena e vaporosa.

 

 

AFI – Torna il Festival di fotografia europeo a Legnano, Palazzo Leone da Perego. Dal 5 marzo al 10 aprile 2016 la kermesse curata da Claudio Argentiero presenta 5 significativi fotografi che hanno segnato la scena nazionale e internazionale: Michael Ackerman, Robert Ramser, Giovanni Sesia, Giovanni Mereghetti, Cecile Decorniquet.

 

 

HELMUT NEWTON. A Venezia, la Casa dei Tre Oci, dal 7 aprile al 7 agosto 2016 presenta una retrospettiva rivoluzionaria. L’esposizione, curata da Matthias Harder e Denis Curti, organizzata da Civita Tre Venezie in collaborazione con la Helmut Newton Foundation, è frutto di un progetto, nato nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del grande fotografo. La rassegna raccoglie le immagini di White Women, Sleepless Nights e Big Nudes, i primi tre libri di Newton pubblicati alla fine degli anni ‘70, volumi oggi considerati leggendari e gli unici curati dallo stesso Newton.

 

 

DAIDO MORIYAMA – Per la prima volta in Italia un corpus di oltre cento fotografie a colori di Daido Moriyama, il maestro giapponese del bianco e nero. La Galleria Carla Sozzani presenta la mostra Daido Moriyama in Color a cura di Filippo Maggia. “Il bianco e nero racconta il mio mondo interiore, le emozioni e i sentimenti più profondi che provo ogni giorno camminando per le strade di Tokyo o di altre città, come un vagabondo senza meta. Il colore descrive ciò che incontro senza filtri, e mi piace registrarlo per come si presenta ai miei occhi. Il primo è ricco di contrasti, è aspro, riflette a pieno il mio carattere solitario. Il secondo è gentile, riguardoso, come io mi pongo nei confronti del mondo”. Fino al 31 gennaio 2016.

 

LIMBO Gohar Dashti a Milano. Le Officine dell’Immagine dal 4 febbraio al 16 aprile 2016 la mostra propone i recenti lavori di questa giovane ma talentuosa interprete, un’artista che negli ultimi anni si è chiaramente distinta per una sempre maggiore attenzione internazionale. Il titolo dell’esposizione, LIMBO, prende spunto dall’ultimo progetto dell’artista, l’emblematica serie Stateless (2014-2015), presentata a Milano come nucleo centrale della mostra.

 

© Riproduzione Riservata