La lettera del soldato semplice Salvi Faustino alla moglie

La lettera del soldato semplice Salvi Faustino alla moglie

MILANO – Il conflitto mondiale fu la prima guerra tecnologica di massa, da molti storici viene definita una frattura nel corso della storia, quasi una sorta di spartiacque del mondo contemporaneo. Le lettere dei soldati dal fronte sono un eloquente testimonianza della nuova esperienza di guerra combattuta in trincea. Il bisogno di raccontare supera spesso il timore di allarmare le famiglie e fa vincere la fatica dello scrivere che non era certo una pratica comune per questi soldati‑contadini per lo più ancora analfabeti. Questa è la lettera di un soldato alla moglie che esemplificativo della corrispondenza costante dei soldati con i loro cari.

 

“Carissima Edvige

Con piacere oggi ricevetti la tua cara da me desiderata lettera, la quale mi fu assai cara lottima tua salute, all’incontrario quella della nostra cara bambina che abbia sofrir tanto per i denti. Tu mi dici che ai piacere  sapere  quello  che  passo  io qui. Già che proprio lo desideri ti vo­glio raccontare proprio quello che mi fu sucesso ieri 18.

Ti dico altro che puoi portare pro­prio un quadro a Santa Agapere (sic!) per grazia ricevuta che non mi cre­devo di ritornare indietro ancora sa­no e salvo, sotto quel fuoco che ci siamo trovati, che sparava(no) fucili e cannoni da una parte e laltra, il quale ti dico che ce rimasto morto anche un caporale che sta nella com­pagnia di Chiari, che si chiama Li­bretti, che mentre era stato colpito di due pallottole salutò i suoi compagni nelli ultimi estremi, ti puoi immagi­nare il dolore che o provato a non potendo riportarlo indietro con noi, ma causa di essere immesso a corne e boschi e inseguiti di questi austriaci mi toccò lasciarlo dolorosamente dandoci un caro saluto sul campo.

Ti dico altro cara Edyige che con più si va avanti e con più si fa brut­ta, dunque prega Iddio per il tuo po­vero Felice che mi sembra impossi­bile che possa aver la fortuna di ritornare e se proprio sarò sfortunato di rimaner sul campo, ricordati sem­pre del tuo amato sposo che tanto ti pensa e tama, e perdonaci se qual­che volta avrà mancato Più ti racco­mando la cara povera nostra piccina se dovrà essere sfortunata di rimaner orfana dal suo caro babbo senza averlo conosciuto, ce lo farai cono­scere sulla fotografia fatta sul campo di Libia.

Che vuoi facciamoci coraggio e preghiamo Il Signore tutti due e ri­guardo alle mie zie lascia pure che tacciano, guarda dandar d’accordo coi miei e tuoi genitori, ti scrissi giorni fa che avevo ricevuto il vaglia e se potevi mandarmi ancora qualche cosa già che la mia mamma taveva detto che ti dava qualche cosa riguardo alla casa la roba per ora lasciala lì che se avrò la fortuna di ritornare voglio aver la casa e dilli ai miei genitori che li prego per favore a scrivermi una volta, falla pur leggere e tu se è possibile scrivi tutti i giorni che sono stato 4 giorni senza tue notizie mi sembravano 4 mesi.

Ricevi i più cari saluti e baci da chi sempre ti pensa e tama, tuo af. marito Felice… dunque di nuovo mille baci e pensa sempre al tuo caro Felice… che può proprio chiamarsi fortunato, se puoi fa limpossibile a mandarmi più che puoi che almeno potrò berre qualche bicchieri di vino tanto per non proprio pensarci tanti baci stella cara.”
Salvi   Felice   Faustino, soldato   da Chiari. Caduto il 31 maggio 1916

 

LEGGI ANCHE: “CARO, TI SCRIVO”, LA CAMPAGNA SOCIAL PER SALVARE LA VECCHIA LETTERA DALL’ESTINZIONE

© Riproduzione Riservata
Commenti