Il MiBact lancia la campagna d’ottobre dedicata al paesaggio italiano

Con la campagna di ottobre, il Ministero dei beni e delle attività culturali intende sensibilizzare il pubblico sul tema della tutela del paesaggio
Il MiBact lancia la campagna d'ottobre dedicata al paesaggio italiano

MILANO – MiBACT lancia la campagna di ottobre dedicata al #paesaggioitaliano. Con questa campagna, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo intende sensibilizzare il pubblico sul tema della tutela del paesaggio, patrimonio naszonale come i capolavori dell’arte che tutto il mondo conosce.

LA CAMPAGNA – E’ il paesaggio italiano il tema della campagna di comunicazione social del mese di ottobre del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Il motivo? ricordare due ricorrenze: il XVII anniversario dalla sottoscrizione della Convezione Europea del Paesaggio, che fu firmata a Firenze ‪il 20 ottobre del 2000, e la prima edizione assoluta degli Stati Generali del Paesaggio che si terranno a Roma, a Palazzo Altemps, il 25 e ‪il 26 ottobre prossimi, e che saranno l’occasione per un confronto nazionale tra istituzioni ed esperti.

#PAESAGGIOITALIANO – Come sempre, la campagna intende coinvolgere i visitatori degli oltre 420 musei, parchi archeologici e luoghi della cultura italiani in un collettivo reportage fotografico delle collezioni artistiche sul tema del mese da condividere con l’hashtag #paesaggioitaliano.
Ma stavolta i visitatori, macchina fotografica o smartphone alla mano, oltre a imbattersi in vedute magnifiche e suggestive – siano esse panorami reali o immaginari, naturalistiche o urbane –  e condividerle con un click, potranno cimentarsi anche in un nuovo gioco di immagini a confronto: fotografare, come di consueto, dipinti e sculture nei musei e cercare, fuori, il paesaggio reale che li ha ispirati, magari lasciandosi proprio ‘guidare’ dalle opere che il MiBACT lancia sul proprio sito attraverso 40 locandine digitali.


 

© Riproduzione Riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here