Venezia celebra i 500 anni dalla nascita di Tintoretto

Venezia festeggia i 500 anni dalla nascita di Tintoretto con due mostre a lui dedicate per ricordare colui che presentò la sua città al mondo

MILANO – Dal 7 settembre al 6 gennaio Venezia festeggia il pittore Jacopo Tintoretto, colui che ha reso la sua città un’opera d’arte. Nato in laguna, il Tintoretto è colui che ha usato la luce e il colore come linguaggio predominante nei suoi quadri. Per celebrarlo sono state organizzate due mostre, a Palazzo Reale e alla Gallerie dell’Accademia. Tintoretto approderà anche negli Stati Uniti, alla National Gallery of Art di Washington, a partire dal 10 marzo 2019.

Alle Gallerie dell’Accademia

Un Tintoretto giovane quello presentato alle Gallerie. Le opere esposte, nello specifico 60, sono quelle del primo decennio della sua attività artistica. La mostra “Il giovane Tintoretto” è curata da Roberta Battaglia, Paola Marini e Vittoria Romani e ripercorre il periodo che va dal 1538 al 1548, una fase ricca di stimoli e di sperimentazioni per l’artista. Disposta cronologicamente, l’esposizione è suddivisa in quattro sezioni e in ognuna si cerca di ricostruire il contesto culturale veneziano entro il quale è avvenuta la sua formazione, difficilmente riconducibile a una bottega o a un maestro. Certa è l’ispirazione tratta da  Tiziano, Pordenone, Bonifacio de’ Pitati, Paris Bordon, Francesco Salviati, Giorgio Vasari, Jacopo Sansovino, le cui opere sono affiancate a quelle del Tintoretto alle Gallerie.

 A Palazzo Ducale

I festeggiamenti continuano a Palazzo Ducale, nell’appartamento del Doge, nella quale viene inaugurata la monografica TINTORETTO 1519 – 1594. Un percorso espositivo che si discosta da quello delle Gallerie in quanto tema della monografica è la produzione più feconda della sua arte del periodo dagli anni Quaranta del Cinquecento ai suoi ultimi lavori. 50 dipinti del maestro e un nucleo di 20 disegni autografi compongono la mostra, resa possibile grazie a prestiti da parte della National Gallery e del Victoria and Albert Museum – ma anche da Parigi, Gent, Lione, Dresda, Otterlo, Praga, Rotterdam, Madrid, Vienna.

Il tutto infine si sposterà in America, a Washington presso il National Gallery of Art. Un evento che segna la prima volta in cui l’opera completa di Tintoretto viene presentata in Nord America

© Riproduzione Riservata