Mostre da non perdere

Un viaggio nel mondo fantastico di Joan Mirò al PAN di Napoli

Arriva per la prima volta a Napoli una grande mostra dedicata a uno dei massimi teorici del Surrealismo, l'artista spagnolo Joan Mirò

Sono 80 fra quadri, disegni, sculture, arazzi e collage, le opere di Joan Mirò in esposizione al PAN di Napoli dallo scorso 25 settembre fino al 23 febbraio 2020. Salvate nel 2014 dallo Stato Portoghese, che ne ha impedito la vendita, le opere sono da allora custodite dalla Fondazione di Serralves di Porto e costituiscono un patrimonio di inestimabile valore per il popolo portoghese. 

La mostra

La mostra racconta il mondo fantastico, onirico e creativo di Mirò attraverso le opere esposte che coprono il lungo arco della produzione artistica di Miró, dal 1927 al 1986. Si tratta di un racconto sull’evoluzione dello stile di questo straordinario artista che riesce a trasformare i diversi oggetti che compongono le sue opere in segni visivi, anticipando il linguaggio dell’arte del Ventesimo secolo. Una straordinaria esplorazione della materialità che supera le costrizioni della tela e del colore utilizzando ogni supporto e materiale necessario per dare forma a quella sorprendente evasione poetica che caratterizza l’opera di Miró.

Le opere salvate 

Nel 2014 lo Stato portoghese ha impedito la vendita della collezione, allora del Banco Português de Negoció, preservando un patrimonio di inestimabile valore per il popolo portoghese; tra ottobre 2016 e giugno 2017, le opere sono state presentate per la prima volta al Museo Serralves di Porto, in una esposizione che ha ottenuto oltre 300mila visitatori.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Paola Lenti Official (@paola_lenti_official) in data:

 

Chi era Joan Mirò

Miró fu uno dei più radicali teorici del surrealismo, al punto che André Breton, fondatore di questa corrente artistica, lo descrisse come “il più surrealista di noi tutti”. Tornato nella casa di famiglia, Miró sviluppò uno stile surrealista sempre più marcato; in numerosi scritti e interviste espresse il suo disprezzo per la pittura convenzionale e il desiderio di “ucciderla”, per giungere a nuovi mezzi di espressione. 

Scopri di più: Joan Miró, il maestro surrealista del colore

 

© Riproduzione Riservata