Truck Art Project, l’arte che sfreccia per le strade

Truck Art Project è un progetto culturale volto a diffondere l'arte in modo innovativo, a cui partecipa una selezione accurata di artisti
Truck Art Project, l'arte che sfreccia per le strade

MILANO – Arte che sfreccia per strada. Questa è la prima cosa che salta subito nella mente e agli occhi del pubblico quando si parla di Truck Art. L’arte viene messa a disposizone dello spettatore fuori dei confini tradizionali arrivando in luoghi che non si prestano all’arte contemporanea. Così, davanti a questo progetto  tutti ci trasformiamo in involontari e fugaci spettatori delle opere d’arte.

L’IDEA – Si è fatta avanti una nuova idea di spazio museale in linea con i tempi moderni in cui viviamo. Si stanno, così, gradualmente abbattendo i confini statici dei musei inglobati nelle strutture, consci che il sistema arte sta cambiando. L’idea è che l’arte debba essere al servizio di tutti, non necessariamente in un posto fisso e che possa essere lei a sorprenderci e catturarci quando meno ce lo aspettiamo.

TRUCK ART PROJECT – E’ proprio sull’idea della fugacità dell’arte che è nato Truck Art, un progetto artistico e culturale in movimento lanciato dall’imprenditore e collezionista Jaime Colsa e curato da Fer Francés e Óscar Sanz. A figurare tra gli artisti, vi sono influenti nomi provenienti soprattutto dal mondo della Street art quali Javier Arce, suso33, Abraham Lacalle, Marina Vargas, Javier Calleja, Daniel Muñoz e Okuda San Miguel. A fare da tele sulle quali dipingere sono i copertoni di grossi Camion, trasformando così questi in opere e gallerie d’arte. Un progetto questo, che ispirandosi ai grandi e coloratissimi mezzi di trasporto indiani, ha messo in evidenza le ultime tendenze nella pittura e nell’arte urbana in Spagna. Grazie allo sponsor, il fondatore della compagnia di trasporto Palibex, i veicoli con le raffigurazioni stanno già viaggiando in lungo e in largo sulle autostrade e chissà se,  durante un viaggio, non possiamo essere proprio noi i prossimi spettatori.

 
© Riproduzione Riservata