Sei qui: Home » Arte » Super Green Pass, cosa cambia per musei, teatri e luoghi di cultura
la decisione

Super Green Pass, cosa cambia per musei, teatri e luoghi di cultura

Dal 6 dicembre entrerà in vigore il cosiddetto "Super Green Pass", un Green Pass rafforzato che verrà rilasciato soltanto ai vaccinati o ai guariti dal Covid-19.

Musei, teatri e luoghi di cultura non saranno accessibili ai non vaccinati dal 6 dicembre fino al 31 gennaio 2922. Il governo Draghi ha varato il decreto-legge che introduce “Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali”. In particolare, entrerà in vigore il cosiddetto “Super Green Pass“, un Green Pass rafforzato che verrà rilasciato soltanto ai vaccinati o ai guariti dal Covid-19.

Super Green Pass, come funzionerà

Il Super Green Pass servirà quindi per poter accedere a qualsiasi attività culturale: musei, cinema, teatri, spettacoli al chiuso e all’aperto dal 6 dicembre si potranno frequentare dunque soltanto se si è vaccinati o guariti dal Covid. Lo stesso vale per tutte le attività ricreative, dai bar ai ristoranti, dai locali da ballo alle sale da gioco. Il Super Green Pass rimarrà in vigore anche dopo il 31 gennaio 2022 nelle zone gialle, arancioni e rosse.

Il nuovo decreto Legge

“Vogliamo prevenire per preservare e per conservare”, ha detto in conferenza stampa il presidente del consiglio Mario Draghi, presentando l’introduzione del super Green Pass. “Vogliamo essere molto prudenti per evitare i rischi e per riuscire a conservare quello che ci siamo conquistati, che gli italiani si sono conquistati nel corso di quest’anno”.

Il decreto legge varato il 25 novembre, che entrerà in vigore il 6 dicembre, prevede in senso più generale diversi ambiti di misure urgenti: oltre all’introduzione del Green Pass rafforzato sono previsti l’estensione dell’obbligo vaccinale a nuove categorie (ad esempio insegnanti e Forze dell’Ordine), l’accelerazione della terza dose (accorciando l’attesa a 5 mesi dall’ultima dose, estendendola entro il 1 dicembre agli over18 e guardando ai bambini) e maggiori controlli. Anche perché tutte queste norme senza opportune sanzioni e attenta sorveglianza rischiano di restare in larga parte disattese. Per musei e gallerie, tuttavia, gli oneri di controllo  resteranno gli stessi: si entra mostrando il codice QR e dopo il bip positivo si può accedere. Qualche difficoltà organizzativa in più potrebbe esserci sui mezzi di trasporto.

© Riproduzione Riservata