Stanotte a San Pietro

Stanotte a San Pietro, un viaggio con Alberto Angela tra le meraviglie del Vaticano

Torna, questa sera su Rai 1, "Stanotte a San Pietro" con Alberto Angela. Dagli archivi segreti alla Cappella Sistina, un viaggio spettacolare nei misteri della città dei Papi
alberto-angela-notte-san-pietro

Dopo il grande successo di “Stanotte a Firenze”, Alberto Angela accompagna il pubblico di Rai1 in un nuovo, affascinante viaggio notturno nel suo programma “Stanotte a San Pietro. Viaggio tra le meraviglie del Vaticano”.

Stanotte a San Pietro

Il Vaticano, in tutta la sua maestosità e la sua suggestione notturna. Uno scrigno di tesori d’arte, religione e cultura che si schiude per offrire agli spettatori di Rai1 un percorso intimo e spettacolare al tempo stesso. Di notte, senza le folle dei turisti, finalmente le opere d’arte potranno parlare e raccontare i segreti di una bellezza che incanta da secoli. Una grande produzione – arricchita da ospiti d’eccezione come Giancarlo Giannini e Carlo Verdone – che si avvale della tecnologia 4K HDR, spettacolari riprese con droni ed effetti speciali. Tutto al servizio di una grande operazione culturale realizzata in collaborazione con il Vaticano.

Un viaggio fra le meraviglie del Vaticano 

Angela farà scoprire monumenti famosi – come la cupola di San Pietro, la sublime Pietà, gli affreschi della Cappella Sistina – e i giardini immersi nella quiete notturna. Porterà sulle tracce dell’anziano Michelangelo e del giovane Raffaello, scoprendo anche luoghi normalmente chiusi al pubblico. Fra questi, l’Archivio segreto, la gendarmeria, la caserma delle Guardie Svizzere. Racconterà una lunga storia di potere, spiritualità e mecenatismo che ha conosciuto anche momenti drammatici. Grazie alle tecniche della polizia scientifica, Alberto Angela riuscirà a far rivivere la città dei Papi in una luce nuova.

Stanotte al Museo è un programma di Alberto Angela diretto da Gabriele Cipollitti, scritto con Aldo Piro, Etra Palazzi, Carlotta Ercolino, Paola Miletich, Vito Lamberti ed Emilio Quinto.

© Riproduzione Riservata
Commenti