ritrovamenti

Ritrovato dopo due anni il Basquiat da 25 milioni di euro

Ritrovato l “Angelo maledetto” di Jean Michel Basquiat dopo due anni di indagini, l’opera è stata valutata tra i 20 e i 25 milioni di euro
Ritrovato dopo due anni il Basquiat da 25 milioni di euro

MILANO – “Angelo maledetto” di Jean Michel Basquiat è stato ritrovato pochi giorni fa dopo a due anni dalla sparizione, avvenuta nel gennaio 2016. L’opera, valutata tra i 20 e i 25 milioni di euro, apparteneva a un ex-banchiere. La vicenda, tuttavia, è ancora avvolta nel mistero.

Il quadro

Angelo maledetto di Basquiat apparteneva all’ex-banchiere, ora skipper dei vip, torinese Sergio Rossi, che l’aveva affidata a due intermediari per una complicata compravendita. Del quadro si sono perse le tracce a gennaio 2016, quando i due intermediari dovevano spedire l’opera a New York per una perizia; poco dopo sia il quadro che gli intermediari sono spariti nel nulla.

Il ritrovamento

La vicenda, tuttavia, ha qualcosa di non chiaro. Il proprietario Sergio Rossi aveva denunciato nel 2017 i due mediatori per appropriazione indebita, ma allo stesso tempo non possedeva alcun documento che attestasse l’autenticità del quadro, sostenendo che gli fosse stato regalato da una “vecchia amica”. Dopo poche settimane aveva ritirato la querela, e aveva ricevuto una misteriosa telefonata da parte dei mediatori: “se il quadro è autentico ti diamo tutti i soldi”. Il quadro è stato ritrovato pochi giorni fa a casa di un conoscente di Sergio Rossi, una persona che era già stata sentita dal pm Riccoboni all’inizio delle indagini. La vicenda, dunque, non sembra essere pulita e ci sono ancora molti aspetti da chiarire, sia riguardo alle ragioni della spariziobne del quadro sia riguardo al suo ritrovamento. Inoltre, resta da stabilire se il quadro sia effettivamente autentico, anche se già in passato era comparso su una prestigiosa pubblicazione internazionale e un perito ne avesse attestato la paternità di Basquiat.

© Riproduzione Riservata
Commenti