Raccontare il presente

“Ritornerai?”, il murales diventato il simbolo dell’emigrazione giovanile

Sorto nel cuore di Andria in Puglia, il murales "Ritornerai?" racconta l'esodo di moltissimi giovani dalle loro bellissime e difficili terre

Un ragazzo senza volto, seduto sulla sua valigia. Lo zaino in spalla e il cellulare in mano. Aspetta il treno, o forse il pullman. Alle spalle si lascia la sua terra, mentre fra le mani stringe il futuro, quell’aggeggio in grado di farci viaggiare prima ancora di salire sul mezzo che ci porterà a destinazione. Si chiama “Ritornerai?” il murales che lo street artist Daniele Geniale ha dedicato all’emigrazione giovanile.

Il simbolo di un esodo

Un muro che si staglia per 20 metri verso il cielo è lo sfondo del grande murales ideato e realizzato da Daniele Geniale, diventato nel giro di pochi giorni il nuovo simbolo dell’emigrazione giovanile. Il murales racconta l’esodo dei tantissimi ragazzi costretti ad abbandonare il Sud, la loro terra, per andare a cercare opportunità altrove. Sorge nel parco “Graziella Mansi” ad Andria, a pochi passi dalla vecchia via Barletta, dove si trova la stazione dei pullman lowcost, da cui partono ogni giorno decine di giovani in cerca di “fortuna”.  

Ritornerai?

Solo e quasi sospeso sul suo bagaglio, il destino del ragazzo senza volto è affidato a un interrogativo lancinante: “Ritonerai?”. Un punto di domanda che racconta quel senso di sospensione di una comunità che vede partire i suoi figli. Li vede partire e non ha strumenti, né risorse per incoraggiarli a restare. Eppure, dietro quella domanda, c’è un messaggio di speranza, dietro quel muro c’è la possibilità del ritorno. 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da daniele geniale (@daniele_geniale) in data:

 

Quanti sono i giovani che lasciano il Mezzogiorno

Dall’ultimo rapporto Svimez emergono numeri sempre più allarmanti. Dal 2000 hanno lasciato il Mezzogiorno 2 milioni e 15mila residenti. La metà sono giovani fino a 34 anni, quasi un quinto laureati. Dei 2 milioni di emigranti, 66.557 sono  infatti giovani (50,4 per cento, di cui il 33,0 per cento laureati, pari a 21.970). Nel solo 2017 sono andati via 132 mila persone con un saldo negativo di circa 70 mila unità. La ripresa dei flussi migratori rappresenta la vera emergenza meridionale. 

© Riproduzione Riservata