Prossimamente sul mercato la prima Barbie con il velo islamico

Barbie decide di nascondere la sua bionda chioma dietro a un velo, omaggiando Ibtihaj Muhammad, prima atleta degli Stati Uniti ad aver indossato un hijab alle Olimpiadi di Rio 2016
Prossimamente sul mercato la prima Barbie con il velo islamico

MILANO – La famosa bambola oggetto di desiderio di tutte le bambine, arriva a rompere le barriere. Questa volta Barbie decide di nascondere la sua bionda chioma dietro a un velo, omaggiando Ibtihaj Muhammad, prima atleta degli Stati Uniti ad aver indossato un hijab alle Olimpiadi di Rio 2016. Una bambola unica nel suo genere che è stata svelata al Live Summit di Glamour’s Women of the Year, come l’ultima bambola appartenente alla serie Shero. Una collezione, questa, dedicata alle donne che sono riuscite a superare ogni barriera e che intende ispirare la prossima generazione. La Mattle ha annunciato che la Barbie dedicata alla schermitrice, sarà lanciata sul mercato l’anno prossimo.

La fedele riproduzione

“Sono entusiasta di aver collaborato con un marchio che onora le donne potenti che stanno rompendo le barriere e il cui unico obiettivo è quello di influenzare i futuri leader di domani “, dice Muhammad a PeopleStyle. “Essere inclusi in questa conversazione è molto umiliante e sono al settimo cielo su tutta questa faccenda.” L’atleta ha lavorato con Mattel in ogni fase del processo di progettazione e afferma che la sua somiglianza con la bambola è sorprendente. “È così bello vedermi in questa piccola bambola con la mia uniforme da scherma”, dice.

La somiglianza con la bambola

La bambola riproduce fedelmente le sembianze di Ibtihaj, dal corpo all’ eyeliner sugli occhi. Continua a raccontare: “So che come atleta ho le gambe più grandi. Molte donne hanno delle gambe forti, soprattutto noi schermitrici per spingerci in affondi  ed è stato importante per me avere la mia bambola il più vicino possibile alla mia immagine. Ciò che volevo quindi, era avere delle gambe sicuramente toniche e atletiche. Sono anche molto brava con l’eyeliner in quanto mi piace pensare a questo come a uno scudo di potere; Lo uso per gareggiare e l’ho indossato anche ai giochi olimpici. Per questo volevo che la mia Barbie avesse una perfetta fodera alata e anche l’hijab”

La bambola come oggetto d’ispirazione

“Penso che sia rivoluzionario per Barbie prendere posizione in questo momento in cui siamo. Nessuna Barbie prima d’ora ha mai indossato un hijab. Sono davvero entusiasta di questo particolare momento nella mia vita. In questo anche le bambine non sono musulmane e che quindi non indossano l’hijab, hanno l’opportunità di giocare con una bambola che indossa un hijab”. Non solo la sua Barbie rappresenta una nuova popolazione di donne,ma apre molte altre porte della creatività per i bambini . “Vengo da uno sport piuttosto piccolo che molte persone hanno avuto l’opportunità di conoscere l’estate scorsa durante i giochi olimpici . È bello vedere soprattutto nello sport questa mescolanza culturale. Mi sento come se stessimo distruggendo tutti i soffitti di vetro”

© Riproduzione Riservata