Illustratrici Walt Disney

Le prime illustratrici donne della Disney

Negli anni '30 del Novecento le donne iniziarono ad essere assunte in lavori di animazione precedentemente detenuti da soli uomini, grazie al loro "tocco delicato"
Le prime illustratrici donne della Disney

MILANO – Era il 1923 quando i fratelli Walter e Oliver Disney diedero vita alla magica casa di produzione attiva nel settore mediatico e dell’intrattenimento. Da quei lontani anni Venti l’azienda è cresciuta enormemente e ancora oggi sono tantissime le persone che sognano di poter varcare le porte degli uffici. Strano pensare però a come e quando è avvenuto l’ingresso nel mondo dell’illustrazione Disney da parte delle donne.  Vediamo di fare luce in merito alla questione grazie all’aiuto di Bustle

Le abilità femminili

Come racconta Mindy Johnson nel libro “Ink & Paint: The Women of Walt Disney’s Animation”, sono stati in prevalenza uomini gli animatori responsabili della stesura delle forme e dei movimenti iniziali dei personaggi Disney  e in quanto tali, erano etichettati come gli “artisti più abili”. A intervenire perfezionando e migliorando i loro disegni, erano però gli inchiostratori e pittori.  Lavori i loro, che richiedevano immensa compostezza e precisione, tratti spesso associati alla femminilità in quel momento.  Questione di tratto, precisione e sensibilità. Qualità tecniche che senza ombra di dubbio già in quegli anni Venti la casa di produzione riconosceva nelle linee della mano femminile. Così annunciava un comunicato stampa stampa di Walt Disney Studios negli anni ’20: “Le ragazze non solo hanno più pazienza e un senso più sottile per i dettagli, la linea e il colore. Hanno infinitamente più pazienza per fare un tipo di lavoro più preciso su celluloide necessario per questo lavoro”. Un dipartimento creativo quello di inchiostro e pittura che nel corso degli anni ‘20 e ’30 era l’unico aperto alle donne. Cosa scoraggiante, ad ogni modo, era il fatto che il dipartimento reclutava solo minori di 35 anni motivando così la scelta: “Le donne sopra i trentacinque hanno dimostrato che i loro muscoli iniziano a irrigidirsi e che non possono padroneggiare una penna e la tecnica dei pennelli così bene come le ragazze più giovani”

LEGGI ANCHE: Mary Blaire, l’illustratrice dei film d’animazione Walt Disney

 

Le prime donne a lavorare in Disney

Nel  1934 la casa di produzione iniziò a incorporare più donne sul posto di lavoro, scavalcando l file dei settori creativi dell’azienda. E’ in questo stesso anno che Bianca Majolie, donna solitaria in una stanza con 15 uomini, diventa la prima donna assunta per lavorare come artista storyboard.  Circondata dall’umorismo creativo dei suoi colleghi, la Majolie incorporava l’emozione nei suoi disegni narrativi, che sarebbero diventati un punto fermo della formula di animazione della Disney. A lei si deve la creazione degli schemi per classici come “Cenerentola” e “Peter Pan”. Allo stesso modo Hazel Sewell, cognata di Walt Disney, viene ricordata invece  per aver lavorato alla regia come art director negli anni ’20 per  film come “Biancaneve” e “Bambi” . Tuttavia la maggior parte delle donne lavorava ancora con inchiostro e pittura, separate dal resto dei loro colleghi in un’ala autonoma degli uffici di Burbank di Disney. Johnson ritiene che la segregazione di genere sia derivata, in parte, da uno sforzo per mantenere le donne,nuove nell’ambiente di lavoro dominato dagli uomini, relativamente comode. Ma la quarantena era anche una precauzione di sicurezza. Il reparto inchiostro e vernice lavorava con la cellulosa nitrica, un materiale altamente infiammabile, quindi era necessario che i dipendenti del dipartimento lavorassero in un’area di lavoro più sicura. All’inizio degli anni ’40, con le difficoltà della guerra che vedevano la casa di produzione perdere forza lavoro maschile, nuovi annunci furono pubblicati per attirare giovani donne abbastanza allenate da poter lavorare a penna e inchiostro. All’annuncio rispose una certa Virginia Fleener assunta nel reparto di animazione, un decennio prima vietato alle donne. Jane Baer, invece, aveva solo vent’anni quando ha iniziato a lavorare alla Disney nel 1954 come animatrice per “La bella addormentata” ed era una delle 10 donne coinvolte nel film e che lavoravano tutte insieme in una grande sala chiamata “il bullpen”. Tutte ragazze che, stando ai ricordi di Baer, diventarono presto amiche. Questo in parte perché l’atmosfera competitiva comune negli spazi di lavoro dominati dagli uomini era assente e poi perché molte delle donne con cui lavorava erano cresciute per diventare segretarie, mogli e madri. Non avevamo alcuna aspirazione a fare qualcosa di più di quello che stavano facendo.  Le giovani animatrici dioggi, così,  hanno sicuramente da imparare da storie di donne come Baer, Albright e Fleener, che hanno dimostrato che le donne hanno molto più da offrire al mondo dell’animazione si un ” tocco delicato “.

© Riproduzione Riservata