Sei qui: Home » Arte » Open House, Milano apre le porte delle sue case segrete
la prima edizione

Open House, Milano apre le porte delle sue case segrete

La prima edizione un intero weekend in cui accedere gratuitamente a edifici pubblici e privati
La prima edizione di Open House arriva a Milano. Una iniziativa per riscoprire le bellezze architettoniche meneghine. Si tratta, appunto, di un evento di architettura che parte del circuito internazionale Open House Worldwide (finora realizzato in Italia solo a Roma, dove negli stessi giorni si tiene l’edizione 2016). Il concept originale è nato a Londra ed è stato sviluppato da Open House Londra. L’assetto riguarda per adesso 4 continenti e 31 città.
 

OPEN HOUSE MILANO

 
E’ un evento aperto a tutti: un intero weekend in cui accedere gratuitamente, supportati da guide specializzate e volontarie, a edifici pubblici e privati dal notevole valore architettonico. Open House Milano rivolge la propria attenzione agli edifici normalmente non accessibili, al patrimonio architettonico moderno e contemporaneo, per estendersi fino alla città in trasformazione, senza mai trascurare la ricchezza artistica e culturale che caratterizza Milano dall’antichità in poi.
 
 

OPEN HOUSE VIVE GRAZIE AI VOLONTARI

 
La manifestazione è possibile grazie all’aiuto e al contributo volontario di persone che con entusiasmo e passione permettono la visita e l’accesso gratuito ai luoghi inseriti nel programma di OHM.
 
Studenti, progettisti, appassionati di architettura, artisti, giovani, pensionati, cittadini milanesi e non. Fare il volontario per OHM è un’occasione speciale per sentirsi parte di un progetto ambizioso e stimolante, ampliando le proprie competenze e coltivando le proprie passioni insieme a chi condivide i nostri stessi interessi.
 
 

SAVE THE DATE

 
Sabato 7 e domenica 8 maggio 2016 si terrà la la prima edizione di OHM: due giornate per (ri)scoprire una Milano inedita fatta di edifici noti e meno noti, che assumeranno nuovi significati grazie alle visite guidate e gratuite tenute dai progettisti stessi, studenti delle facoltà milanesi e cultori d’architettura.

 

 

© Riproduzione Riservata