Case d'artista

Casa di Renoir, la dimora nascosta del pittore fra gli ulivi della Provenza

Abbarbicata su un colle con vista sul mare e circondata da ulivi e agrumeti, la dimora di Renoir sembra uscita da uno dei suoi dipinti
casa-renoir

Nel cuore della Provenza, esattamente a Cagnes sur Mer, si estende un magnifico oliveto di tre ettari, dove si trova la casa di Pierre-Auguste Renoir. La comprò il 28 giugno 1907 per la somma di 35000 franchi francesi e vi abitò dal 1908 sino alla morte, avvenuta il 3 dicembre 1919. Il figlio, Claude Renoir, abitò in questa dimora fino al 1960 e dopo la sua morte il comune di Cagnes-sur-Mer acquistò il bene trasformando la casa di Renoir in un museo atto a ricordare l’ultimo soggiorno del grande pittore in questa zona.

Una suggestiva tenuta in mezzo agli ulivi

Il Museo Renoir è situato nel cuore di una magnifica tenuta, tra ulivi centenari ed alberi d’agrumi, dalla quale si gode di un superbo panorama.
Con le sue collezioni, le sue 15 tele originali, le 40 sculture, i mobili e l’atelier, il museo è una testimonianza dell’universo creativo e famigliare del Maestro impressionista. Dopo un lungo restauro terminato nel 2013, il Museo Renoir propone ai visitatori un sito tale e quale lo conobbe il maestro. Sono state aperte nuove sale per esibire tra l’altro, un insieme di diciassette sculture in gesso cedute dalle famiglie Renoir e Guino , due nuove tele originali e degli archivi intimi.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Suzanne Emma (@avecnuages) in data:

 

Perché Renoir scelse Cagnes sur Mer

Agli inizi del Novecento Renoir era ormai ufficialmente riconosciuto come uno degli artisti più illustri d’Europa. Flebili erano invece i rapporti con il gruppo degli Impressionisti, il quale era ormai disgregato. Dei vari artisti seguitavano a dipingere solo Claude Monet, ormai ritiratosi stanco e malato nella sua villa di Giverny, e Edgar Degas, quasi cieco. Anche Renoir iniziò a essere minacciato da gravi problemi di salute. Proprio a causa della progressiva infermità nei primi anni del Novecento si trasferì su consiglio dei medici a Cagnes-sur-Mer, in Costa Azzurra. Qui, nel 1908 acquistò la tenuta delle Collettes, nascosta tra le fronde degli uliveti e degli aranci e abbarbicata su un colle. Nonostante gemesse continuamente dal dolore, Renoir trasse giovamento dal clima mite della regione mediterranea. Renoir morì, infine, il 3 dicembre 1919 nella sua villa a Cagnes. 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Suzanne Emma (@avecnuages) in data:

 

© Riproduzione Riservata
Commenti