Van Gogh e i maledetti

“Van Gogh e i maledetti”, l’incredibile mostra immersiva arriva a Firenze

Una mostra immersiva per "entrare" nei dipinti di Vincent van Gogh, uno degli artisti più celebri e amati di tutti i tempi
van-gogh-e-i-maledetti

Dal 1 agosto 2020 al 11 ottobre 2020 alla Cattedrale dell’Immagine, nel Complesso di Santo Stefano al Ponte, è in programma la mostra immersiva, Van Gogh & i maledetti, realizzata da Crossmedia Group per la regia di Stefano Fake.

Immergersi nelle opere di Van Gogh

Una mostra immersiva di 60 minuti, sviluppato per mezzo della multiproiezione a 360° d’immagini ad altissima definizione e della diffusione audio in Dolby HD di un’avvincente colonna sonora. Una produzione che si prefigge di coinvolgere emotivamente il pubblico nella controversa vicenda umana e artistica di Vincent van Gogh, uno degli artisti più celebri e amati di tutti i tempi, a cui fanno da contrappunto le vite e i lavori di alcuni grandi pittori a lui coevi, accomunati dall’esistenza travagliata e dall’anticonformismo, evidenti nelle seppur diverse forme espressive della loro produzione artistica. Insieme a Vincent van Gogh, gli artisti compresi nella mostra immersiva sono: Paul Cézanne, Paul Gauguin, Henri de Toulouse-Lautrec, Chaïm Soutine e il toscano Amedeo Modigliani.

Una mostra immersiva

Arricchiscono l’esperienza multimediale le postazioni con gli Oculus per sperimentare la realtà virtuale 3D di un viaggio sensoriale all’interno di alcuni famosi quadri e l’avvolgente caleidoscopio d’immagini della “sala degli specchi”, posta all’interno della sala immersiva, che ha raccolto un enorme successo in tutte le produzioni a partire da Inside Magritte a Milano.

La colonna sonora

Un ruolo importante è ricoperto anche dalle musiche che accompagnano e valorizzano le immagini. Questa la lista dei brani che compongono il percorso espositivo multimediale:

· Johann Pachelbel, Canon and Gigue in D, 1700 ca
· Giuseppe Verdi, La Messa da Requiem, Dies Irae, 1874
· Claude Debussy, Children’s Corner, 1907
· Léo Delibes – Coppélia – Waltz, 1870
· Jacques Ofenbach, Orfeo all’inferno ouverture, 1858
· Reynaldo Hahn, A Chloris, 1913
· Claude Debussy, Prelude No 24, Feux d’artifice, 1909-1913
· Franz Schubert, Ave Maria, 1825
· Franz Schubert, Serenade, 1826
· Antonio Vivaldi, Le quattro stagioni, tempesta, 1725
· Antonio Vivaldi, Filiae Maestate Jerusalem RV 638
· Modest Petrovič Musorgskij, Una Notte sul Monte Calvo, 1867
· George Frideric Handel, Suite per clavicembalo in Re minore HWV 437, Sarabande, 1733
· Ludwig van Beethoven, sonata per pianoforte n. 14 in Do diesis minore, Sonata al chiaro di luna, 1801

© Riproduzione Riservata
Commenti