Mostra su Banksy

Banksy, sbarca a Roma la “visual protest” dell’artista misterioso

Dall’8 settembre 2020 all’11 aprile 2021 al Chiostro del Bramante oltre 90 opere in mostra dell’artista e writer inglese Banksy
Banksy, sbarca a Roma la "visual protest" dell'artista misterioso

Arriva a Roma l’arte provocatoria di Banksy. Dall’8 settembre fino all’11 aprile 2021 presso il Chiostro del Bramante è in programma “Banksy. A visual protest”, la grande mostra dedicata al misterioso artista e writer inglese.

La mostra

In esposizione oltre 90 opere intrise di ironia, denuncia, politica, intelligenza, protesta: da Love is in the Air a Girl with Balloon; da Queen Vic a Napalm, da Toxic Mary a HMV, dalle stampe  realizzate per Barely Legal, una delle più note mostre realizzate, ai progetti discografici per le copertine di vinili e CD. Il percorso espositivo prevede, anche comprendendo più di 20 progetti per copertine di dischi e libri, un arco temporale dal 2001 al 2017. Tutte le opere provengono da collezioni private.

Un ricco iter che indaga il percorso di Banksy, accostando stampe su carta o tela a opere uniche eseguite con olio, acrilico, spray su tela, stencil su metallo o cemento. Un viaggio tra più tecniche e temi, che ha il suo cuore nella protesta, intesa come impegno per la comunità, partecipazione, sollecito alla riflessione. 

La guerrilla art di Banksy

Quella di Banksy è una comunicazione diretta, nel rifiuto del sistema e delle regole, l’artista si rivolge al suo pubblico senza filtri, le sue opere sono testi visivi capaci di informare e di far riflettere. Attraverso la “guerrilla art”, Banksy impone attenzione su temi importanti, difficili, in alcuni casi “scomodi”. L’artista con le sue opere chiama a raccolta una comunità trasversale scegliendo lo spazio pubblico come scenario, i muri come tela, l’immediatezza e la viralità dell’immagine come strumento. 

La scelta di rimanere nell’anonimato nasce da un insieme di esigenze: la necessità di sfuggire alla polizia, data la realizzazione di incursioni e di graffiti illegali; tutelarsi considerando lo sfondo satirico delle sue opere che trattano argomenti sensibili come la politica e l’etica; il desiderio di non inquinare la percezione della sua identità e delle sue opere, come afferma l’artista stesso.

© Riproduzione Riservata
Commenti