Matera e arte

Matera, tra i Sassi le sculture di Salvador Dalí

Matera, capitale europea della cultura 2019, ospita tra i suoi Sassi una mostra con le sculture di Salvador Dalí
Matera, tra i Sassi le sculture di Salvador Dalí

MILANO – Matera, la città dei Sassi, è quest’anno capitale europea della cultura 2019 e per l’occasione esibisce al pubblico tesori veramente speciali. Uno di questi incredibili tesori è la mostra Salvador Dalí – La persistenza degli Opposti presso il complesso rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci, visibile fino al 30 novembre 2019.

Dalì tra i Sassi

Avreste mai pensato di girare Matera e scoprire le opere di Salvador Dalí? Può sembrare strano, ma a Matera le sculture di Salvador Dalí abitano i Sassi della città. Pensate che meraviglia scoprire un’insolita Matera tanto antica e razionale come lo sono i suoi Sassi e tanto contemporanea e stravagante come il Surrealismo di questo pittore catalano.

La mostra costituisce un viaggio tematico che indaga all’interno della psicologia e dell’ispirazione artistica di Dalí, incastonato nella cornice storico millenaria dei Sassi di Matera e presenta circa 150 opere tra sculture grandi e piccole, illustrazioni, opere in vetro e arredi dell’artista, coniugate a una serie di exhibit multimediali che rendono il percorso multisensoriale e arricchiscono la percezione emozionale dello storytelling espositivo.

Arte e multimedialità

Quattro temi cari all’artista si susseguono nel percorso museale: le quattro dicotomie quali il tempo, millenario e fugace, l’involucro duro e il contenuto molle, la dialettica tra religione e scienza, la metamorfosi della realtà in surrealtà, accompagnano il visitatore nella conoscenza del maestro catalano.

Ologrammi, realtà virtuale, proiezioni 3D, video mapping, sono fra gli exhibit di forte impatto sensoriale, che completano la fruizione delle opere dell’artista e definiscono una esperienza completa e totalmente immersiva. La presenza di un’area cinema con la proiezione di un docufilm dedicato alla mostra e di un laboratorio multimediale a scopo didattico rendono la mostra fortemente interessante per un pubblico che abbraccia tutte le età.

© Riproduzione Riservata