Arte e cultura

Lee Hadwin, l’artista sonnambulo che realizza opere d’arte mentre dorme

Lee Hadwin, è un'artista sonnambulo che mentre dorme realizza incredibili opere d'arte; cosa incredibile, da sveglio non sa disegnare
Lee Hadwin, l'artista sonnambulo che realizza opere d'arte mentre dorme

MILANO – Gli artisti, si sa, sono persone veramente originali. Ognuno di loro ha una sua tecnica, un suo stile e una dote singolare. Ma Lee Hadwin è veramente un artista unico al mondo: ebbene si, dipinge nel sonno e totalmente incosciente di ciò che sta facendo.

LEGGI ANCHE: Van Gogh e Munch sciolti dall’artista che denuncia il riscaldamento globale

Lee Hadwin, l’artista sonnambulo che dipinge nel sonno

Alcuni lo troveranno incredibile, altri inquietante. Lee Hadwin è un signore originario di Henllan, una città nel Denbigshire in Galles, che fin da piccolo ha registrato una dote veramente unica al mondo, ossia quella di dipingere nel sonno. Tutto ha inizio all’età di 4 anni, quando le prime “opere” realizzate consistevano semplicemente in scarabocchi disegnati inconsciamente sui muri della stanza, sul pavimento e sui quaderni di scuola. In seguito i genitori lo hanno sottoposto a varie visite mediche; ma nulla di anomalo, doveva essere solo una temporanea forma di sonnambulismo. E invece a 15 anni tutto è cambiato: un bel mattino Lee si sveglia e scopre di aver realizzato tre incredibili piccoli ritratti di Marilyn Monroe. La fase non era passeggera e Hadwin dentro di se aveva un artista che usciva solo di notte.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SleepArtist (@leehadwin) in data:

A rendere ancora più unica la dote di Hadwin è la sua incapacità di riprodurre i disegni da sveglio. Se ci pensate bene, infatti, verrebbe spontaneo pensare a quanto possa essere bravo Lee quando dipinge di giorno; “se riesce a fare dei capolavori di notte mentre dorme, chissà quanto saranno belli che fa quando è sveglio”, penserete. E invece no: Lee da sveglio, in stato cosciente, non ha alcuna dote artistica. Mentre dorme riproduce paesaggi, forme antropomorfe, ritratti o disegni astratti, ma quando apre gli occhi è una persona come le altre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SleepArtist (@leehadwin) in data:

Dalle mostre alle vendite

Soprannominato “sleepwalking artist” (artista sonnambulo), Lee Hadwin è diventato un vero fenomeno del mondo dell’arte. Ha venduto le sue opere alle persone più di spicco del nostro tempo, come ad esempio il Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump. Partito da una mostra a Henllan nel 2007 che ha attirato prima l’attenzione dei media locali, poi addirittura di una troupe cinematografica della Corea del Nord (che su di lui ha realizzato un documentario) e infine del Sun che l’ha intervistato, ora è arrivato ad esporre persino in Australia; esempio è la mostra in corso Zzzzz: Sleep, Somnambulism, Madness. Parte del ricavato dalle vendita delle sue opere e dagli incassi delle mostre, viene inoltre devoluto a degli enti benefici.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SleepArtist (@leehadwin) in data:

Lee, anche a causa della frequenza con cui questi fenomeni di sonnambulismo artistico si manifestano (a volte può accadere due volte la settimana come rimanere silente per mesi), è diventato oggetto di studio da parte dell’Edinburgh Sleep Center, col fine di approfondire la sua attività cerebrale durante il riposo. Tuttavia quello che conta è il bellissimo significato che Hadwin attribuisce alle sue opere e in generale all’arte: egli infatti considera quest’ultima come un’emozione ed un sentimento da regalare a qualcuno, trasmettendo positività e bellezza in un mondo che sembra essere caratterizzato solo da tristezza, sofferenza e brutalità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SleepArtist (@leehadwin) in data:

LEGGI ANCHE: Amedeo Modigliani e Jeanne Hébuterne, una storia d’amore

Via: The Huffington Post

© Riproduzione Riservata