In giro per l'Italia

Le mostre da non perdere questo week-end

Una selezione fra le rassegne italiane più interessanti per fare una scorpacciata d'arte prima dell'arrivo del Natale
Le mostre da non perdere questo week-end

MILANO – Una selezione fra le rassegne italiane più interessanti per fare una scorpacciata d’arte prima dell’arrivo del Natale. 8 mostre da non mancare prima delle vacanze.

 

MONDI ANIMATI – Dopo la mostra dedicata a Alberto Giacometti il MAN_Museo d’Arte della Provincia di Nuoro accoglie una retrospettiva dedicata a Paul Klee (1879-1940). Inedito in Sardegna, Klee è uno degli autori più complessi e originali del secolo scorso. Con questa rassegna si indaga l’artista in tutta la sua complessa percezione artistica. “Mondi animati”, una mostra da non mancare!

 

ANTONELLO DA MESSINA A NAPOLI – Palazzo Zecallos accoglie con entusiasmo il Ritratto d’uomo, il capolavoro di Antonello da Messina. La mostra resterà aperta fino al 10 gennaio 2016 grazie a un prestito eccezionale del Museo Civico d’Arte Antica di Palazzo Madama a Torino. Oltre al dipinto gli appassionati d’arte potranno ammirare una ricca collezione del museo, compreso l’ultimo lavoro firmato Caravaggio prima della sua morte.

 

CHAGALL-MALEVIC – Un biglietto unico al prezzo ridotto di 14 euro per visitare due mostre che, a distanza di cinquanta chilometri una dall’altra, contribuiscono a riscoprire una pagina irripetibile dell’arte del Novecento. La GAMeC di Bergamo e il Museo di Santa Giulia a Brescia, grazie alla collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo e alla coproduzione di GAmm Giunti, dialogano tra loro per offrire al pubblico la possibilità di entrare in via esclusiva nell’immaginario di Kazimir Malevič e di Marc Chagall, ricostruendo così insieme la ricca e poliedrica scena dell’arte russa della prima metà del secolo scorso, episodio determinante per l’evoluzione delle avanguardie su scala internazionale. Lo speciale biglietto combinato è acquistabile presso le biglietterie di entrambe le mostre o sui siti www.mostramalevic.it e www.chagall.bresciamusei.com.

 

MATISSE – “Matisse e il suo tempo”. Un evento imperdibile a Torino, una retrospettiva dedicata a Matisse ed altri importanti suo coevi come Modigliani, Braque, Léger, Mirò. Dal 12 dicembre a Palazzo Chiablese fino al 15 maggio 2016. 50 opere di Matisse e 47 di artisti a lui coevi quali Picasso,Renoir, Bonnard, Modigliani, Miró, Derain, Braque, Marquet, Léger – tutte provenienti dal Centre Pompidou – per scoprire l’arte francese. Il pittore francese Matisse dominò l’arte della prima metà del XX Secolo ed è considerato uno delle coscienze artistiche più affascinanti del Novecento, da non perdere.

 

MUCHAAlfons Mucha e le atmosfere art nouveau sarà visitabile dal 10 dicembre 2015 al 20 marzo 2016 al Palazzo Reale di Milano. Con oltre 220 opere la mostra propone al pubblico un percorso originale capace di ricostruire il gusto elegante, prezioso e sensuale dell’epoca attraverso le creazioni di Alfons Mucha, gli arredi e le opere d’arte decorativa di artisti e manifatture europei attivi nello stesso periodo storico.

 

GIOTTO – Ancora per qualche settimana potrete ammirare i capolavori di Giotto. A Palazzo Reale a Milano fino all’11 gennaio 2016 Eventi a Milano. Tra le opere in esposizione ci sono quelle prestate da Uffizi, Bologna, Musei Vaticani.  Tre opere su tutte: il Polittico Stefaneschi, realizzato da Giotto per l’altare maggiore di San Pietro e ora esposto ai Musei Vaticani.  Il Polittico Bologna, conservato nella pinacoteca del capoluogo emiliano, che misura 340 centimetri di lunghezza per 191 di altezza. Il Polittico di Badia, conservato agli Uffizi e originariamente pensato per Santa Maria.  Nella città di Milano Giotto concluse la sua attività, proprio a Palazzo Reale, e il capoluogo lombardo ospita lavori giotteschi a San Gottardo in Corte, all’Abba.

 

COBRA – Una grande avanguardia europea (1948-1951) in mostra a Roma dal 4 dicembre 2015 al 3 aprile 2016 a Palazzo Cipolla. Centocinquanta opere del movimento artistico rappresentano la sintesi della libertà, dell’audacia, della forza firmata CobrA. Un corpus di opere realizzate dai suoi esponenti principali per conoscere l’avanguardia novecentesca.

 

RAFFAELLO, PARMIGIANINO E BAROCCI – I Musei Capitolini tornano protagonisti della scena espositiva della capitale con una mostra icredibile che confronta tre big dell’arte italiana: Francesco Mazzola detto il Parmigianino eFederico Fiori conosciuto come il Barocci gli eredi di Raffaello. La retrospettiva “Metafore dello sguardo”, pone a confronto questi autori vissuti in epoche differenti ma tanto simili. La mostra sarà disponibile fino al 10 gennaio.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti