In giro per l'Italia

Le mostre da non perdere a Natale e Capodanno

Una selezione fra le rassegne italiane più interessanti per un Natale e un Capodanno all'insegna dell'arte
Le mostre da non perdere questo week-end

MILANO – Una selezione fra le rassegne italiane più interessanti per un Natale e un Capodanno all’insegna dell’arte. 8 mostre da non perdere per queste vacanze.

 

I BACI DI HAYEZ – La più completa e aggiornata esposizione monografica su Francesco Hayez. Inaugura domani presso le Gallerie d’Italia – Piazza Scala, sede museale della Banca Intesa Sanpaolo a Milano, “Hayez”, una grande mostra sul maggiore interprete in pittura del Romanticismo, curata da Fernando Mazzocca, con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli, e realizzata in collaborazione con le prestigiose istituzioni milanesi e veneziane intimamente legate alla storia del grande artista: l’Accademia di Belle Arti di Brera, la Pinacoteca di Brera a Milano e le Gallerie dell’Accademia di Venezia. Dal 7 novembre al 21 febbraio 2016, saranno visibili al pubblico per la prima volta insieme le tre versioni del «Bacio» di Francesco Hayez.

 

LO SPLENDORE DI VENEZIA – A Palazzo Martinengo a Brescia una nuova esposizione dedicata agli incanti di Venezia, la città che nei secoli ha affascinato generazioni di artisti. Dal 23 gennaio al 12 giugno 2016, dal titolo “Lo splendore di Venezia. Canaletto, Bellotto, Guardi e i vedutisti dell’Ottocento”, che celebrerà la città italiana che più di ogni altra è stata, ed è ancora oggi, un mito intramontabile nell’immaginario collettivo. L’iniziativa, curata da Davide Dotti, col patrocinio della Provincia di Brescia, presenterà oltre cento capolavori di Canaletto, Bellotto, Guardi e dei più importanti vedutisti del XVIII e XIX secolo, provenienti da collezioni pubbliche e private, italiane e internazionali.

 

ANTONELLO DA MESSINA A NAPOLI – Palazzo Zecallos accoglie con entusiasmo il Ritratto d’uomo, il capolavoro di Antonello da Messina. La mostra resterà aperta fino al 10 gennaio 2016 grazie a un prestito eccezionale del Museo Civico d’Arte Antica di Palazzo Madama a Torino. Oltre al dipinto gli appassionati d’arte potranno ammirare una ricca collezione del museo, compreso l’ultimo lavoro firmato Caravaggio prima della sua morte.

 

CHAGALL-MALEVIC – Un biglietto unico al prezzo ridotto di 14 euro per visitare due mostre che, a distanza di cinquanta chilometri una dall’altra, contribuiscono a riscoprire una pagina irripetibile dell’arte del Novecento. La GAMeC di Bergamo e il Museo di Santa Giulia a Brescia, grazie alla collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo e alla coproduzione di GAmm Giunti, dialogano tra loro per offrire al pubblico la possibilità di entrare in via esclusiva nell’immaginario di Kazimir Malevič e di Marc Chagall, ricostruendo così insieme la ricca e poliedrica scena dell’arte russa della prima metà del secolo scorso, episodio determinante per l’evoluzione delle avanguardie su scala internazionale. Lo speciale biglietto combinato è acquistabile presso le biglietterie di entrambe le mostre o sui siti www.mostramalevic.it e www.chagall.bresciamusei.com.

 

MATISSE – “Matisse e il suo tempo”. Un evento imperdibile a Torino, una retrospettiva dedicata a Matisse ed altri importanti suo coevi come Modigliani, Braque, Léger, Mirò. Dal 12 dicembre a Palazzo Chiablese fino al 15 maggio 2016. 50 opere di Matisse e 47 di artisti a lui coevi quali Picasso,Renoir, Bonnard, Modigliani, Miró, Derain, Braque, Marquet, Léger – tutte provenienti dal Centre Pompidou – per scoprire l’arte francese. Il pittore francese Matisse dominò l’arte della prima metà del XX Secolo ed è considerato uno delle coscienze artistiche più affascinanti del Novecento, da non perdere.

 

MUCHAAlfons Mucha e le atmosfere art nouveau sarà visitabile dal 10 dicembre 2015 al 20 marzo 2016 al Palazzo Reale di Milano. Con oltre 220 opere la mostra propone al pubblico un percorso originale capace di ricostruire il gusto elegante, prezioso e sensuale dell’epoca attraverso le creazioni di Alfons Mucha, gli arredi e le opere d’arte decorativa di artisti e manifatture europei attivi nello stesso periodo storico.

 

RAFFAELLO, PARMIGIANINO E BAROCCI – I Musei Capitolini tornano protagonisti della scena espositiva della capitale con una mostra incredibile che confronta tre big dell’arte italiana: Francesco Mazzola detto il ParmigianinoFederico Fiori conosciuto come il Barocci gli eredi di Raffaello. La retrospettiva “Metafore dello sguardo”, pone a confronto questi autori vissuti in epoche differenti ma tanto simili. La mostra sarà disponibile fino al 10 gennaio.

 

 “STORIE SOVIETICHE” – Gli 85 anni di storia dell’Unione Sovietica in mostra a Roma. La testimonianza di tre artisti russi che hanno vissuto tre periodi differenti della realtà dei soviet. Lo sguardo dell’artista diventa critica, entusiasta o disilloso osservando le opere di Rozalija Rabinovič, Sergei VasilievDanila Tkachenko. L’esposizione resta aperta fino al 13 Febbraio alla Galleria del Cembalo a Roma.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti