La storia di Farhad, il piccolo Picasso in fuga dall’Afghanistan

Scopriamo la toccante vicenda di Farhad Nouri, piccolo profugo di 10 anni in fuga dall'Afghanistan che sogna di arrivare in America per diventare pittore e fotografo
La storia di Farhad, il piccolo Picasso in fuga dall'Afghanistan

MILANO – Scappare dalla guerra e dalla povertà disegnando ritratti di personaggi celebri, familiari, amici e sognando l’America e di diventare un pittore e un fotografo. E’ questa la storia di Farhad Nouri, piccolo profugo di 10 anni soprannominato “piccolo Picasso” da tutti per la passione per il disegno ed in particolare per l’artista spagnolo.

VIAGGIO E SOGNI – Il piccolo Farhad è in fuga dall’Afghanistan con la sua famiglia, i genitori ed i due fratellini più piccoli. Dopo aver attraversato la Turchia e la Grecia, ora si trova in Serbia, all’interno del centro di accoglienza “Krnjaca” vicino a Belgrado, allestito all’interno di un ex caserma, nella speranza sempre di  raggiungere la Svizzera o gli Stati Uniti per trasformare i nrealtà i suoi sogni di artista ed il suo talento.

RITRATTI – Farhad ha imparato a disegnare vedendo dei tutorial su Youtube e per i suoi disegni fa molta ricerca in rete su internet. Molti disegni sono ambientati a Belgrado, dove il piccolo ha vissuto negli ultimi 9 mesi. Nei suoi disegni, il piccolo ritrae personaggi celebri, familiari, amici o castelli incantati. I suoi disegni adesso sono esposti in un caffè a Belgrado, non solo per far conoscere il suo talento, ma per un fine nobile: raccogliere fondi per un bambino serbo affetto da un tumore al cervello.

 

© Riproduzione Riservata