Street art

Il bacio di Doisneau contro il terrorismo

Il celebre scatto del fotografo francese è apparso sui muri di Parigi accompagnato dalla frase "Même Pas Mal" (non fa neanche male).

MILANO – Parigi è la città dell’amore non del terrore e per ricordarlo ai cittadini della ‘ville Lumière’ uno street artist ha disegnato su un muro due giovani nella folla, stretti in un bacio appassionato. Si tratta del celebre bacio immortalato da Robert Doisneau nel 1950 davanti all’Hotel de Ville de Paris. Sessant’anni dopo gli amanti sono ancora abbracciati ma hanno una ferita in mezzo al petto che non è quella dell’amore. L’immagine è tornata in questi giorni nelle strade parigine come simbolo di pace e di resistenza contro il terrorismo. Una scritta accompagna l’immagine Même Pas Mal (non fa neanche male). La vernice rossa come una colata di sangue si rafferma sul muro, ma, come si legge sotto, Paris est debout (Parigi è in piedi). L’immagine è stata subito diffusa su tutti i social nerwork tramite l’hashtag #memepasmal. La prima parete su cui è apparso è in Boulevard Richard Lenoir, non lontano dalla sala concerti del Bataclan, il teatro più colpito dagli attentati del 13 novembre scorso.

LA STORIA DEL BACIO – Il grande maestro della fotografia Doisneau, rappresentante più famoso della cosiddetta ‘fotografia umanista’, scattò Il Bacio dell’hotel De Ville nelle vie caotiche di una splendida Parigi degli anni 1950. In realtà, non fu una fortunata istantanea. La foto fu una vera e propria messa in scena. Doisneau stava realizzando un servizio fotografico per la rivista americana Life, e chiese a due giovani di posare per lui. Si trattava di Françoise Bornet, una studentessa di teatro, e il suo ragazzo, Jacques Carteaud. La ripresa economica, la pace e la guerra finita da anni rendono apparentemente lontana da noi l’atmosfera del bacio. Eppure l’immagine rivive oggi come una speranza di pace e amore per i parigini.

 

LEGGI ANCHE  Attentato di Parigi, i monumenti di tutto il mondo illuminati col tricolore francese

 

© Riproduzione Riservata
Commenti