"book story"

I libri ci guardano, le illustrazioni di Jonathan Wolstenholme

Come in Toy story i giocattoli hanno una vita segreta Jonathan Wolstenholme immagina libri animati
Le illustrazioni di Jonathan Wolstenholme

MILANO – Come in Toy story ci si immaginava una vita segreta dei giocattoli Jonathan Wolstenholme ha immaginato dei libri animati. La serie di dipinti dell’artista britannico svelano un mondo che forse ogni lettore ha immaginato, i propri romanzi che prendono vita, anzi che vivono una loro vita.

IL MONDO DEI LIBRI – Libri che scrivono o leggono, che viaggiano o giocano a carte e partecipano a tornei letterari. Sono libri intellettuali ovviamente quelli che animano la fantasia e le opere di Jonathan Wolstenholme.

Un torneo letterario
 I PROTAGONISTI – Protagonisti delle sue opere sono i libri. Bei tomi, di un certo spessore, un po’ vecchi e consunti. Quell’old style che piace tanto a librofili e librai, a quelli che cercano ancora nei testi l’odore di antico e le pagine ingiallite. Forse Wolstenholme strizza l’occhio a tutti quelli che rifiutano kindle e affini, perché il suo è proprio un elogio al libro puro.
LO STILE – Lo stile surreale e un po’ irriverente è il suo tratto distintivo, quello che sorprende di Jonathan Wolstenholme. L’artista deve la sua fama a questa brillante e simpatica idea, libri animati  che ricalcano ovviamente le abitudini dei lettori. Jonathan Wolstenholme combina il suo amore per il surrealismo, la sua passione per i libri antichi, e il suo umorismo beffardo nel creare le intelligenti e coinvolgenti immagini antropomorfe.
Il ghostwriter

 

L’ARTISTA – Jonathan Wolstenholme (classe 1950) è un  artista e illustratore britannico. Ha frequentato la Purley Grammar School prima della laurea al Croydon Art College (1969-1972). Wolstenholme è stato un illustratore freelance di successo per molti anni, lavorando per una serie di importanti agenzie pubblicitarie, editori e una vasta gamma di riviste. È sposato e ha due figli con cui vive a Londra. Ha avuto tre mostre personali a Londra e altre ancora.

© Riproduzione Riservata
Commenti