27 gennaio 2016

Giornata della Memoria, gli eventi per ricordare la Shoah

Molte le celebrazioni in tutta Italia per ricordare le vittime dello sterminio nazista. Da Milano fino a Catania
Giornata della Memoria, gli eventi per ricordare la Shoah

MILANO – Il 27 gennaio di ogni anno, nel giorno dell’apertura dei cancelli di Auschwitz si ricorda la Shoah. Una giornata simbolo della tragedia novecentesca ma che da tempo è diventata l’occasione per diffondere la cultura della tolleranza e della pace. Molte le celebrazioni in tutta Italia per ricordare le vittime dello sterminio nazista. Da Milano a Roma fino a Catania, ecco gli eventi più importanti.

Torino ricorda le vittime dell’Olocausto con una mostra dedicata a Primo Levi. Un focus particolare è rivolto ai tre ritratti esposti a Palazzo Madama fino al 7 febbraio realizzati dall’artista americano Larry Rivers. Le tre opere si chiamano Witness, Survivor e Periodic Table.

In mostra a Lucca i disegni di Helga Weissova, una dei bambini di Auschwitz. Interessante anche l’esposizione con i fumetti di Karski, – soprannominato dallo scrittore francese Yannick Haene  il “testimone inascoltato” – diventato Giusto tra le Nazioni: inviato del governo polacco nei territori occupati, raccontò della deportazione ma fu ignorato per anni.

A Bologna il memoriale della Shoah sarà inaugurato nella Giornata della memoria. Il monumento, progettato dallo studio Set Architects, è composto da due blocchi di acciaio cor-ten, che si ossida all’aria aperta, alti 10 metri uno di fronte all’altro, che convergono fino a lasciare uno spazio stretto al punto da permettere il passaggio di una sola persona. Ai lati, celle vuote che si ripetono a simboleggiare i dormitori dei deportati. L’altra facciata risulta liscia, creata così per riflettere suoni e immagini.

A Roma, Casina dei Vallati, la sede della “Fondazione museo della Shoah Roma” inaugura oggi la mostra, allestita grazie al contributo dell’ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia, con la collaborazione della “Anne Frank House ” e  del comitato di coordinamento della “Presidenza del Consiglio dei Ministri” per le celebrazioni in ricordo della Shoah. Fotografie, documenti e video inediti per ricordare la ragazzina del famoso diario.

Sempre a Roma, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea ospita l’evento La Shoah dell’arte, promosso da ECAD e ideato da Vittorio Pavoncello, che coinvolgerà in contemporanea circa trenta musei, alcune gallerie e più di venti teatri d’Italia. Un progetto museologico e teatrale con mostre, conferenze e spettacoli per mettere la Shoah al centro della vita artistica del Paese, attraverso varie opere d’arte.

Lecce ricorda le vittime con la mostra “Da Otranto a Santa Maria al Bagno. 2000 anni di presenze ebraiche in provincia di Lecce” allestita nelle sale del Castello Carlo V, luogo simbolo della presenza ebraica medievale in città. Il Castello Carlo V, ha avuto un ruolo nella storia ebraica della città sia per la presenza di personaggi come Maria d’Enghien, sia perché fu luogo di rifugio per gli ebrei in varie occasioni. Il percorso di mostra ricostruisce le vicende degli ebrei nella terra pugliese ricordando la tragedia dello sterminio ma anche le persecuzioni antecedenti.

A Catania sarà Palazzo della Cultura a fare da location alla mostra“1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia. Documenti per una storia”, che rimarrà aperta al pubblico fino al 15 febbraio. La mostra è articolata nell’omonima esposizione sulla Shoah in Italia, realizzata dalla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC di Milano, e nell’esposizione di documenti originali sulla persecuzione nella Sicilia orientale.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti