Sei qui: Home » Arte » Dante, a Ravenna i virtual tour che celebrano il Sommo Poeta
le mostre digitali

Dante, a Ravenna i virtual tour che celebrano il Sommo Poeta

Tre virtual tour per le mostre dantesche di Ravenna realizzate in occasione dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri

Nonostante il difficile momento vissuto ora dalla cultura italiana, le iniziative artistiche non mancano. Questo è l’impegno che si è prefissato anche il MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna per le celebrazioni dei settecento anni dalla morte di Dante, che ha deciso di aprire un progetto virtuale per dar modo al pubblico di visitare le mostre allestite, in attesa del via libera definitivo per il turismo culturale.

L’omaggio a Dante Alighieri

La piattaforma è realizzata in collaborazione con Zeranta Edutainment s.r.l e organizzata dalle Istituzioni comunali MAR, Biblioteca Classense, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna. Essa permette al pubblico di prendere parte a tre diversi tour del progetto espositivo Dante. Gli occhi e la mente.

I percorsi espositivi riguardano: Inclusa est flamma. Ravenna 1921: Il Secentenario della morte di Dante – in corso presso il Corridoio Grande della Biblioteca Classense (fino al 17 luglio 2021) – Le Arti al tempo dell’esilio – che sarà inaugurata il 24 aprile presso la chiesa di San Romualdo – e Un’Epopea POP – in programma per il 4 settembre al MAR. Essi saranno disponibili online con una selezione di opere d’arte rappresentative. Un percorso pensato per raccontare i progetti che la città di Ravenna dedica a Dante nel settimo centenario della sua morte. All’interno della piattaforma sono esplorabili ben sette ambienti virtuali con un centinaio gli oggetti esposti e circa 60 contenuti multimediali.

Il tour

Per quanto riguarda la mostra Inclusa est flamma. Ravenna 1921: Il Secentenario della morte di Dante, sarà possibile conoscere la storia dell’anniversario dantesco al tempo di Benedetto Croce, attraverso l’analisi delle diverse opere esposte. Gli altri due percorsi, saranno invece una sorta di anteprima delle mostre non ancora aperte al pubblico e daranno la possibilità di entrare con occhi e mente all’interno dei diversi progetti attraverso le parole dei curatori.

Le arti al tempo dell’esilio avrà luogo presso la chiesa di San Romualdo. La mostra seguirà l’esilio dantesco attraverso importanti opere d’arte legate alle città in cui Dante si fermò, partendo da Firenze attraversando l’Italia fino a stabilirsi a Ravenna, suo “ultimo rifugio”.
Nella mostra Un’epopea Pop, invece, si possono visitare le sale del MAR approfondendo le sezioni tematiche legate agli aspetti più popolari della figura di Dante e quelle dedicate all’arte contemporanea. I curatori, in questa occasione, accompagnano il pubblico nel racconto della fortuna dantesca.

 

© Riproduzione Riservata