L'incanto da Christie's il 25 aprile

Da Milano a New York, il ‘Bacio’ di Hayez all’asta per un milione di dollari

Si tratta della versione inviata dall'artista all'Expo di Parigi del 1867
Il 'Bacio' di Hayez

MILANO – Probabilmente quando Hayez realizzò Il Bacio non immaginò lontanamente il successo che avrebbe avuto il suo dipinto, anzi i suoi dipinti. Una delle tre versioni che è stata in mostra a Milano fino al 21 febbraio scorso alle Gallerie d’Italia sarà battuta all’asta per quasi un milione di dollari.

UN BACIO DA UN MILIONE DI DOLLARI – Il Bacio sarà battuto dalla casa d’aste Christie’s a New York il 25 aprile con una stima tra 700 mila e 1 milione di dollari (tra i 620mila e gli 880mila euro) durante la sessione dedicata al catalogo dell’arte europea del XIX secolo.

LE TRE VERSIONI – La prima, donata alla Pinacoteca dell’Accademia di Brera, fu realizzata nel 1859 su commissione di Alfonso Maria Visconti di Saliceto. Esiste poi quella del 1861 contraddistinta dal vestito bianco della donna (e non azzurro) e quella del 1867 inviata dall’artista all’Esposizione Universale di Parigi, entrambe provenienti da collezioni private.

IL BACIO DEL 1867 – Il dipinto a olio su tela (118.4 x 88.6 cm) fu realizzato nel 1867 e sulla parte posteriore è firmato ‘Franco Hayez/Veneziano’. Il quadro ha una provenienza regale. Fu acquistato per la prima volta nel 1867 durante l’Esposizione Universale di Parigi dal granduca Vladimir di Russia, passando poi nelle collezioni della granduchessa Elena di Russia, poi alla figlia e quindi ai discenti della famiglia imperiale. Da allora ha sempre fatto parte di collezioni private.

 

Francesco Hayez, l’eros segreto

© Riproduzione Riservata
Commenti