Calimero, 50 anni di avventure celebrati in una mostra a Milano

E' Milano la prima città che ospiterà la mostra dedicata a Calimero, il pulcino nero nato 50 anni fa da un'idea di Nino Pagot, Toni Pagot e Ignazio Colnaghi...

Per la prima volta un’esposizione è dedicata al celebre pulcino nero, “Calimero. E’ un’ingiustizia però! – 1963-2013”, fino al 9 marzo 2014 al Palazzo della Permanente di Milano

MILANO – E’ Milano la prima città che ospiterà la mostra dedicata a Calimero, il pulcino nero nato 50 anni fa da un’idea di Nino Pagot, Toni Pagot e Ignazio Colnaghi per promuovere un detersivo nell’indimenticabile stagione di Carosello. Diventato presto uno dei personaggi più amati dal pubblico, Calimero ha rappresentato nell’immaginario di ciascuno di noi l’eroe e l’antieroe, il piccolo fragile, tenero e ingenuo, il compagno fedele di avventure e disavventure, l’amico simpatico e sensibile, capace di conquistare il cuore di grandi e piccini.

 

UN MITO – La sua vocina inconfondibile che protesta “E’ un’ingiustizia però!” ha fatto il giro del mondo, in tante lingue. A lui sono state dedicate ricerche, canzoni, libri, citazioni. Il mondo dello sport, della politica e della moda lo hanno riconosciuto come simbolo, prendendone spesso a prestito il nome.
50 anni di avventure di Calimero diventano oggi una mostra, suddivisa in 9 sezioni, che attraverso disegni, tavole originali, storyboard, cartoni animati, video e oggetti, attinti dal ricchissimo archivio Pagot, racconta la storia del pulcino nero dalla sua prima apparizione, il 14 luglio 1963. Sebbene l’avvento dell’era digitale abbia nel tempo modificato le fasi di lavorazione relative all’animazione, Calimero e le sue avventure sono arrivati con successo fino al 3D.

 

TRA CAROSELLI E DISEGNI – La mostra, patrocinata dal Comune di Milano e Rai Fiction, promossa e organizzata dalla Team Entertainment presso il Palazzo della Permanente di Milano, è curata da Dario Cimorelli con la collaborazione di Marco Pagot. L’esposizione è l’occasione per far conoscere la genesi di un cartone animato dalla stesura del racconto alla traduzione in sequenze, alla successione dei disegni per permettere il movimento dei personaggi (50 disegni per ogni secondo di animazione), fino al montaggio e alla proiezione. Il pubblico potrà ammirare una selezione di oltre 6 ore di cartoni animati: dai primi Caroselli in bianco e nero alle storie di Calimero e Priscilla, fino alle avventure di Calimero e Valeriano; decine e decine di personaggi, da Cesira a Gallettoni a Papero Piero, tutti scaturiti dalla felice matita dei fratelli Pagot.

 

30 dicembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti