Sei qui: Home » Arte » Renoir e la leggiadria di Parigi con il “Ballo al Moulin de la Galette”
L'opera

Renoir e la leggiadria di Parigi con il “Ballo al Moulin de la Galette”

Pierre Auguste Renoir dipinge un momento di spensieratezza e abbandono presso il locale Mulino de la Galette sulla collina di Montmartre

In questo suo capolavoro Pierre Auguste Renoir rappresenta un momento di spensieratezza e abbandono presso il locale Moulin de la Galette sulla collina di Montmatre. Una scena con il tipico gusto della Belle Époque che dipinge i personaggi durante la bella stagione mentre partecipano ad un ballo organizzato dal locale parigino. In questo articolo vi raccontiamo la bellezza e i dettagli dell’opera.

Ballo al Moulin de la Galette

Ballo al Moulin de la Galette documenta un momento di vita dei giovani parigini riuniti nel celebre caffè di Montmartre. Alcuni giovani danzano altri conversano seduti ai tavolini. In primo piano lo stesso Renoir siede ad un tavolino con le sue modelle e gli amici. Il dipinto cattura un’istantanea del momento allegro della vita mondana frequentata da artisti, intellettuali e parigini qualunque. Si tratta di un’opera dallo stile accademico Neoclassico, che restituiva alle opere il giusto valore per elaborare la gloria della Rivoluzione Francese e di Napoleone con una tecnica iperrealistica e classicista. L’intenzione dell’artista era quella di creare un’impressione di occasionalità, movimento e folla, impressione accentuata dal taglio fotografico dell’immagine.

Aline Charigot, l'amata musa di Renoir
Impressionisti innamorati

Aline Charigot, l’amata musa di Renoir

 

Pierre Auguste Renoir

Pierre Auguste Renoir nacque nel 1841 e morì nel 1919. Frequentò la scuola di Belle Arti di Parigi. Durante gli anni di formazione Conobbe Monet, Sisley e Basille. Fu nel 1864 che aderì ad un gruppo di artisti che si recavano nella foresta di Fontainebleau per dipingere en plein air. l’artista partecipò, con i compagni, alle prime tre mostre che fondarono l’Impressionismo. In seguito ad un viaggio che lo condusse in Italia e in Algeria, nel 1882, si isolò dalla corrente dedicandosi al ritratto. Come ritrattista, Renoir fu molto apprezzato anche dalla critica. Negli ultimi anni di vita si stabilì in Costa Azzurra dove dipinse Le bagnati, la sua ultima opera.

© Riproduzione Riservata