L'indagine SIAE

Aumenta la spesa degli italiani in arte e spettacolo

Secondo i dati del’Annuario dello Spettacolo di SIAE, concerti di musica leggera, calcio e mostre ottengono i migliori risultati. Buone performance anche per lirica e balletto
Aumenta la spesa degli italiani in arte e spettacolo

MILANO – Nel 2017 in Italia sono aumentati i numeri degli spettacoli artistici (+8,18%), degli ingressi (+6,59%), con conseguenti aumenti anche per spesa al botteghino (+13,40%), spesa del pubblico (+2,30%) e volume d’affari (+4,73%), mentre è da notare la complessiva diminuzione di tutti gli indicatori anche per l’attività teatrale. Sono questi alcuni dei dati più interessanti che emergono dall’Annuario dello Spettacolo di SIAE, il più grande database del settore che ogni anno fornisce una panoramica sull’andamento della spesa e della presenza del pubblico al cinema, a teatro, ai concerti, allo stadio, nelle sale da ballo e ad ogni altro genere di spettacolo nel nostro Paese. Uno strumento fondamentale per coloro che operano nel settore culturale che, grazie alla Società Italiana degli Autori ed Editori, possono contare su dati puntuali e aggiornati, oltre che su uno storico che permette di delineare le tendenze.

Mostre d’arte

I risultati dell’attività di spettacolo 2017 sono stati esaminati sotto due diversi profili: gli eventi di spettacolo e l’utilizzazione dell’opere. La rilevazione è stata condotta nel periodo gennaio 2017 – febbraio 2018 (su 14 mesi) per acquisire ed elaborare anche informazioni residue riguardanti l’attività di spettacolo svolta nel 2017, ma contabilizzate all’inizio del 2018. Da una prima disaggregazione dei dati, è il settore cinematografico ad influenzare negativamente gli indicatori dello spettacolo relativi al 2017. L’andamento dei prezzi medi evidenzia invece come punti di forza il calcio, i concerti di musica leggera e le mostre. Ottimi risultati per le attività di mostre ed esposizioni, che comprendono i valori rilevati in occasione di mostre culturali ed esposizioni con finalità commerciali. In progresso i dati relativi agli spettacoli (+8,18%), agli ingressi (+6,59%), alla spesa al botteghino (+13,40%), alla spesa del pubblico (+2,30%) ed al volume d’affari (+4,73%). In diminuzione, invece, le presenze che riportano una contrazione dell’11,65%.

Teatro

Complessiva diminuzione di tutti gli indicatori anche per l’attività teatrale. In flessione gli ingressi (-1,70%), in linea con la diminuzione del numero degli allestimenti (spettacoli -1,25%). In territorio negativo tutti gli indicatori economici: spesa al botteghino -3,87%, spesa del pubblico -6,06% e volume d’affari -6,75%. Nel 2017 la lirica è stato il settore più vivace, con un incremento anche del numero di spettacoli (+8,68%), il balletto ha fatto registrare una buona performance, mentre la rivista e commedia musicale e l’arte varia sono stati i macroaggregati più in sofferenza.

© Riproduzione Riservata