Sei qui: Home » Arte » Andy Warhol accoglie il Pride a Napoli
Mostre da non perdere

Andy Warhol accoglie il Pride a Napoli

Quest’anno, a Napoli il Pride si accompagna all’arte, con un’iniziativa che vede protagonisti Andy Warhol e il PAN. Scopriamo di più.

I colori e l’originalità delle opere di Andy Warhol accompagneranno gli appuntamenti del Pride a Napoli. La manifestazione arcobaleno che si terrà nel capoluogo partenopeo oggi 2 luglio, infatti, non è l’unica iniziativa concepita in occasione del Pride Month.

Ad affiancare la sfilata del Pride, che partirà da piazza Municipio per arrivare al Lungomare Caracciolo, Andy Warhol, padre della Pop Art e tra le storiche icone Lgbtq+, con un’iniziativa che vedrà protagonisti il grande artista e il PAN.

Infatti, nelle giornate del 2 e 3 luglio, il PAN accoglierà i visitatori della mostra “Andy is back” con un prezzo speciale. Ma andiamo a scoprire di più sulla mostra e sull’iniziativa legata al Pride.

“Andy is back”, Andy Warhol al PAN

La mostra “Andy is back”, prodotta da Navigare srl e curata da Edoardo Falcioni per Art Motors con il patrocinio del Comune di Napoli, propone un’esposizione incentrata sul grande artista Andy Warhol ricca di oltre 130 tra disegni, oggetti autografati, serigrafie, fotografie, provenienti da collezioni private, oltre alla ricostruzione della celebre Silver Factory newyorkese.

La mostra antologica allestita al PAN, in via dei Mille, presenta un percorso suddiviso in aree tematiche, per approfondire l’intensa attività del poliedrico padre della Pop Art in diversi ambiti: dall’arte alla moda, dalla musica al cinema, dalla fotografia all’editoria. L’esposizione ricrea le atmosfere degli anni ’50, ’60, ’70 e ’80, tracciando la storia delle intuizioni e dei progetti di Andy Warhol, anticipatore di importanti fenomeni culturali e artistici e di cui, 35 anni dopo la sua morte, è ancora forte l’eco.

Accanto a serigrafie, litografie, copertine di riviste e vinili, oggetti di culto autografati e fotografie, mai o raramente esposte al pubblico prima di questa mostra, “Andy is back” presenta anche la ricostruzione in dimensioni reali della celebre “Silver Factory”. Era questo, infatti, il cuore pulsante della vita e del percorso artistico di Andy Warhol, attorno al quale, nella New York negli anni ’60, gravitarono tantissimi personaggi dello star system, della moda, artisti, musicisti, attori entrati poi nel mito.

La mostra si propone di essere, sin dal titolo, anche un omaggio al passionale rapporto che ha legato l’artista americano alla città di Napoli in cui torna e dove, grazie alla collaborazione con il gallerista Lucio Amelio, ha soggiornato in diverse occasioni cogliendone l’energia esuberante e traboccante, pienamente raffigurata nella celebre produzione di dipinti e serigrafie dedicata al Vesuvio, realizzata negli anni ’80.

Andy Warhol accoglie il Pride

Non poteva mancare Andy Warhol, padre della Pop Art e tra le storiche icone Lgbtq+, a sostenere l’importante manifestazione arcobaleno organizzata a Napoli per sabato 2 luglio che muoverà da piazza Municipio per arrivare al Lungomare Caracciolo.

Navigare srl, società produttrice della mostra “Andy is back”, allestita al PAN – Palazzo delle Arti Napoli, a breve distanza dal Lungomare, testimonia la sua adesione al messaggio a favore dei diritti civili oltre ogni discriminazione sull’orientamento sessuale, riservando a tutti i visitatori della mostra una riduzione sul biglietto, 8 euro anziché 14, nelle giornate di sabato e di domenica 3 luglio.

Salvatore Lacagnina, producer dell’esposizione, ha così commentato l’adesione di “Andy is back” alla causa del Pride:

“Ci sembra doveroso dare un segnale di vicinanza alle idee sostenute dal Pride, ma anche coerente con la complessa personalità di Andy Warhol, che raccontiamo attraverso la nostra mostra in cui spiccano non solo gli autoritratti dell’artista in drag, e il ritratto dell’amico artista Keith Haring, ma anche la preziosa collezione di serigrafie Ladies and Gentlemen con cui  ha immortalato e reso visibili al mondo alcune drag queen newyorkesi degli anni ’70, presentandole come modelle in campo artistico”.

Inaugurata lo scorso aprile, la mostra Andy is back, curata da Edoardo Falcioni, proseguirà fino al 31 luglio, con apertura tutti i giorni e orario continuato. Stessa data di chiusura si prevede anche per “Van Gogh Multimedia” e “La stanza Segreta”, altra mostra prodotta da Navigare srl e allestita a Palazzo Fondi di via Medina, prorogata di un mese (31 luglio) per favorire le numerose richieste di turisti italiani e stranieri.

La società Navigare, inoltre, per favorire la fruizione di entrambe le mostre, ha previsto uno sconto speciale per chi, avendo acquistato il biglietto per una mostra, si presenta al botteghino della seconda. “Andy is back” sarà, in questo caso, visitabile al solo costo di 8 euro, mentre per vedere l’esposizione dedicata a Van Gogh, il “biglietto congiunto” è fissato a un costo di 10 euro.

 

 

© Riproduzione Riservata