A Milano

Alfons Mucha e le atmosfere art nouveau in mostra

Si apre oggi al Palazzo Reale la rassegna con oltre 220 opere del pittore ceco
Mucha - La Poesia

MILANO – Alfons Mucha e le atmosfere art nouveau sarà visitabile dal 10 dicembre 2015 al 20 marzo 2016 al Palazzo Reale di Milano. Con oltre 220 opere la mostra propone al pubblico un percorso originale capace di ricostruire il gusto elegante, prezioso e sensuale dell’epoca attraverso le creazioni di Alfons Mucha, gli arredi e le opere d’arte decorativa di artisti e manifatture europei attivi nello stesso periodo storico.

VEDI GALLERY

ALPHONS MUCHA – Alfons Maria Mucha (Ivančice, 24 luglio 1860 – Praga, 14 luglio 1939) è stato un pittore e scultore ceco. Il suo nome viene spesso francesizzato come Alphonse Mucha. L’artista è ritenuto uno dei più importanti artisti dell’Art Nouveau. Cresciuto in Moravia, dimostrò subito il suo talento come architetto e art design. Svolgeva in proprio l’attività di decoratore e di ritrattista mantenendosi agli studi. Il conte Karl Khuen Belasi di Mikulov impressionato dalla sua mano lo assunse per decorare con degli affreschi i suoi castelli fino a finanziarlo permettendogli di iscriversi allAccademia delle belle arti di Monaco di Baviera. Visse anche a Vienna e a Parigi e perfino negli States dal 1906 al 1910 ma ritornò poi a Praga. Nel 1898 a Parigi Mucha venne iniziato alla Massoneria e l’influenza si percepisce molto nelle sue opere.

IL PERCORSO ESPOSITIVO – Le opere dell’artista ceco sono esposte in mostra seguendo un percorso suddiviso per temi stilistici e iconografici, per suggerire le giuste atmosfere e le suggestioni che possano stupire ed emozionare il visitatore.

LE ATMOSFERE ART NOUVEAU – Di Alfons Mucha e le atmosfere art nouveau, se ne è occupato Karel SRP, già curatore della grande mostra monografica sull’artista tenutasi a Praga nel 2013, per la parte relativa alle opere di Mucha, e da Stefania Cretella, studiosa di arti decorative, per la parte dedicata alle arti decorative del periodo art nouveau. Innovativa è la formula della curatela: le competenze scientifiche e i materiali di studio forniti per la realizzazione della mostra verranno valorizzati attraverso un significativo contributo per il cofinanziamento di assegni di ricerca e borse di studio per giovani studiosi e per le attività scientifiche del Centro di ricerca “Rossana Bossaglia”, diretto da Valerio Terraroli e fondato nel 2015 presso l’Università di Verona, Dipartimento Culture e Civiltà, in ricordo di una grande studiosa di Liberty, Déco e Novecento.

LA MOSTRA – La mostra è promossa dal Comune di Milano|Cultura, prodotta e organizzata da Palazzo Reale di Milano, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova e da 24 ORE Cultura ‐ Gruppo 24 Ore, in collaborazione con la Richard Fuxa Foundation e il Centro di Ricerca Rossana Bossaglia, Dipartimento Culture e Civiltà, Università di Verona. Si avvale altresì del patrocinio della città di Praga.Dopo Milano, la mostra si sposterà a Palazzo Ducale di Genova, dove sarà visitabile da fine aprile a tutto settembre 2016.

 

© Riproduzione Riservata
Commenti