Alchemilla, l’arte contemporanea in mostra a Bologna

A Bologna l'11 febbraio negli ambienti di Palazzo Vizzani-Sanguinetti apre la mostra di arte contemporanea "Alchemilla"
L'arte contemporanea in mostra a Bologna

MILANO – a Bologna presso Palazzo Vizzani-Sanguinetti l’11 febbraio arriva la mostra “Alchemilla“, un’esposizione innovativa che mette in scena opere di artisti quali David Casini, Cuoghi Corsello, Dado, Claudia Tosi e T-yong Chung.

“Alchemilla”, la mostra che parla

Al Palazzo Vizzani-Sanguinetti di Bologna, venerdì 11 febbraio viene inaugurata la mostra intitolata “Alchemilla” a cura di Fulvio Chimento. Questa esposizione vede protagonisti artisti come David Casini, Cuoghi Corsello, Dado, Claudia Tosi e T-yong Chung cui ogni singola opera esposta è pensata in relazione alle altre e in funzione della luce che valorizza i dettagli dei lavori e, al tempo stesso, impreziosisce il contesto architettonico di pregio degli ambienti, che risultano “naturalmente immersivi”. Nelle otto sale del palazzo disabitate da molti anni le opere dialogano tra loro come fossero parole, lette o sussurrate, che “circolano nella penombra e gonfiano i tendaggi”, (per parafrasare un verso del poeta francese Louis Émié).

L’arte come le parole

Le opere si adattano allo spazio e una frase dello scrittore e poeta svizzero Edmond Gilliard costituisce il punto di partenza di Alchemilla: “Se fossi più sicuro del mio mestiere metterei fuori fieramente la mia insegna: ‘Qui si puliscono le parole…’. Scrostare parole, lustrare vocaboli: duro, ma utile mestiere”. La comprensione di questo verso permette di intuire come il lavoro del poeta sia basato su una scelta accurata dei vocaboli adatti per la composizione del verso, così come il mestiere dell’arte trova compimento in una riformulazione delle forme astratte.

© Riproduzione Riservata