Sei qui: Home » Arte » Alberto Sordi, il grande murales a Roma per celebrarlo
L'opera

Alberto Sordi, il grande murales a Roma per celebrarlo

In occasione del 101° anniversario della nascita di Alberto Sordi, Roma gli ha dedicato un grande murales a Garbatella

Per celebrare i 101 anni della nascita del grande Alberto Sordi, a Roma, più precisamente nel quartiere Garbatella, è stato realizzato un murales voluto e sostenuto dall’associazione giallorossa in collaborazione con Ater e con il patrocinio della Regione Lazio. Oggi sarà anche apposta una targa in via Fausto Vettor 34, ovvero il luogo dove l’attore visse da bambino.

L’opera per Alberto Sordi

Il murale sorge in via Ignazio Persico ed è stato realizzato dallo street artist Lucamaleonte. L’opera rientra nei progetti messi a punto dal Club e dalla propria Fondazione, Roma Cares, per le celebrazioni dei 150 anni di Roma Capitale. Insieme a quello per Alberto Sordi, il progetto ha visto realizzati murales per quei personaggi fondamentali nel mondo dello spettacolo – e non solo – che hanno reso grande la città di Roma e l’Italia intera, da Anna Magnani a Gigi Proietti. Giovedì 10 giugno, inoltre, si è tenuto un incontro con le realtà del quartiere a cui hanno preso parte la Fondazione Museo Alberto Sordi, l’Associazione Alberto Sordi, la Fondazione Alberto Sordi, il Comitato di quartiere Itaca e il Roma Club Garbatella.

Lucamaleonte

Lucamaleonte, romano nato nel 1983, si è formato all’Istituto Centrale per il Restauro di Roma. Ha accumulato vent’anni di esperienza nel campo delle arti visive e degli interventi urbani ed è ormai da tempo fra i più importanti protagonisti del circuito internazionale della Urban Art. Alla domanda “Che cos’è la Urban Art?” risponde «È un contenitore un po’ vago, oggi preferisco il termine Arte pubblica. Ho passato anni a dipingere in giro in maniera libera, senza etichette, e oggi mi piace farlo in qualsiasi contesto risulti stimolante».

I 5 film più belli di Alberto Sordi

I 5 film più belli di Alberto Sordi

Alberto Sordi è uno degli attori della commedia all’italiana più amati di sempre. Per ricordarlo a 100 anni dalla sua nascita, abbiamo selezionato i suoi film più belli

 

Il progetto

Il progetto per le celebrazioni dei 150 anni di Roma Capitale prevede una serie di attività ideate dalla Fondazione Roma Cares con l’obiettivo di realizzare opere di riqualificazione dei luoghi comuni dei palazzi in cui sono state realizzate le opere. Tra gli altri personaggi in procinto di essere realizzati ci sono Ennio Morricone, Renato Rashel, Lando Fiorini e Claudio Villa. Quella dei murales è solo una delle tante iniziative benefiche del club che comprendono anche la lotta allo spreco assieme al World Food Programme (insignita quest’anno del Premio Nobel per la Pace) o il Toys Day in cui i calciatori distribuiscono doni ai bambini ricoverati negli ospedali della Capitale. Un progetto, quest’ultimo, utile a dargli forza a riprendere le cure.

I murales di Roma

I murales sono la più nota forma di street art e quella che sta prendendo piede ormai in tutto il mondo, una tecnica per decorare aree centrali e periferiche delle città e dare nuova vita ai quartieri. I murales sono un nuovo metodo di comunicazione artistica e sociale che, in questo caso, ha coinvolto anche i tifosi della Roma, come è accaduto nel quartiere centralissimo di Testaccio in cui Harry Greb ha rappresentato Mourinho con la sciarpa giallorossa al collo a bordo di una vespa chiamata lo “Specialone”.

© Riproduzione Riservata