Sei qui: Home » Arte » Al Madre di Napoli, un percorso artistico dedicato alla Shoah
Giornata della Memoria

Al Madre di Napoli, un percorso artistico dedicato alla Shoah

In occasione della Giornata della Memoria, il Madre di Napoli presenterà un percorso artistico (con opere e testi di Fabio Mauri) dedicato alla Shoah

MILANO – Il 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, al Museo Madre di Napoli sarà presentato un programma di visite didattiche e performative alla mostra “Retrospettiva a luce solida” dedicata a Fabio Mauri, esponente delle neoavanguardie della seconda metà del XX Secolo, e alle opere attraverso cui l’artista ha esplorato, analizzato e messo in scena l’imporsi dei regimi totalitari nazi-fascisti e il dramma dell’Olocausto.

PROGRAMMA – Il programma inizierà alle ore 10:00 con “Oggetti di memoria”, percorso di cinque visite didattiche  destinate agli studenti degli istituti superiori che sono invitati a partecipare portando con loro un proprio oggetto di memoria. Alle 18:00, invece, sarà possibile partecipare alla speciale visita guidata “In memoria” caratterizzata dalla lettura di due testi di Fabio Mauri, a cura della compagnia teatrale Nest. Dopo la prima lettura, il testo “Ebrea”, i visitatori saranno guidati alla scoperta di opere come “Oscuramento”, che affronta il tema della discriminazione razziale e dalla memoria dei campi di concentramento. La visita si concluderà sul tetto-terrazzo del museo con la lettura integrale del testo “La Resa”.

EBREA – La visita “In memoria” si aprirà con la lettura del testo “Ebrea”. Scritto nel 1971, in occasione della mostra alla Galleria La Salita, il testo è parte integrante dell’opere “Il Muro Occidentale o del Pianto” (emblema della divisione del mondo, dell’esilio, della fuga, dell’esodo forzato). L’opera, presentata per la prima volta nel 1997 alla 45° Biennale di Venezia, sarà esposta nella grande sala Re_PUBBLICA MADRE.

LA RESA – Il testo “La Resa” è la traduzione in parole dell’omonima opera, prodotta e presentata in occasione del progetto “Arte in Memoria” del 2002. L’opera è una bandiera bianca issata su un alto palo retto da una doppia struttura in tubi e rappresenta, secondo l’autore, la resa del giudizio. “L’opera che ho messo in piedi è la resa del giudizio. Del mio almeno. E la Storia, cui ho sempre dedicato attenzione stritola la coscienza in un cappio di stupore e ribrezzo. È stupida. È stata stupida. Forse non ha motivo di essere. Questa mia è una resa formale. Una bandiera bianca. Una certa misura di resa può scoprire forse alternative inedite di pace”.

 

LEGGI ANCHE: GIORNATA DELLA MEMORIA, I DIECI LIBRI PER NON DIMENTICARE

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

La storia dell’eroe di Rigopiano finito per un cambio turno sull’elicottero del 118

Sguardi tattili da Castel Sant’Elmo, l’opera Follow the Shape

Successivo

Lascia un commento