Sei qui: Home » Aforismi » Come combattere odio e razzismo, l’insegnamento di Tahar Ben Jelloun
Razzismo

Come combattere odio e razzismo, l’insegnamento di Tahar Ben Jelloun

Dopo #BlackLivesMatters, #StopAsianHate è il nuovo hashtag per dire basta all’odio nei confronti dei popoli asiatici in occidente

La frase di oggi è legata ai recenti episodi di razzismo accaduti negli Stati Uniti. Questa volta però a fare i conti con l’odio sono le persone di origine asiatica. Ad un anno dallo scoppio della pandemia, infatti, il razzismo nei confronti delle etnie asiatiche è cresciuto esponenzialmente. Episodi di odio e violenza si susseguono da diversi mesi è negli Stati Uniti. Ieri l’ultimo caso: ad Atlanta in una sparatoria sono rimaste uccise otto persone, 6 delle quali di origine asiatica. Per combattere odio e razzismo, ci viene alla mente un aforisma del celebre scrittore, poeta e saggista marocchino Tahar Ben Jelloun:

“Siamo sempre lo straniero di qualcun altro. Imparare a vivere insieme è lottare contro il razzismo.” 

Tahar Ben Jelloun

Il movimento #StopAsianHate

Circa un mese fa si sono verificati i primi attacchi violenti nei confronti di persone asiatiche americane. Anziani spinti e buttati a terra senza motivo, schiaffeggiati e insultati, incolpati di essere la causa del Coronavirus in occidente. Un uomo di 84 anni è morto in seguito ai traumi riportati dopo essere stato scaraventato al suolo nella città di San Francisco. Per questo motivo è nato il movimento #StopAsianHate con cui la comunità asiatica, e non solo, vuole far conoscere la realtà di questi violenti atti d’odio denunciando la forte ondata di razzismo. Da marzo a dicembre 2020 le segnalazioni di episodi di odio nei confronti di asiatici americani sono state 2808. Anche le forze A New York i crimini hanno visto un aumento di nove volte rispetto all’anno precedente.

 

L’insegnamento dello scrittore

Con queste parole Tahar Ben Jelloun vuole farci capire l’importanza della convivenza pacifica, del rispetto e dell’unione contro un nemico comune. Tutti siamo, prima o poi, considerati stranieri da qualcun altro, basta solo che cambi la prospettiva. Per questo motivo dovremmo smettere di provare odio per il diverso e iniziare a vivere insieme per salvaguardare il benessere di tutti.

Tahar Ben Jelloun e il suo impegno contro il razzismo

Tahar Ben Jelloun è un autore di origine marocchina. È stato per diversi anni docente di filosofia in Marocco, ma con l’arabizzazione dell’insegnamento si è visto costretto ad emigrare a Parigi dove ha conseguito un dottorato in psichiatria sociale. Il suo impegno e la sua sensibilità nei confronti del tema razzismo hanno segnato fortemente la sua carriera. Tahar Ben Jelloun è ad oggi l’autore francese più tradotto al mondo. Grazie al suo più grande successo letterario, “Il razzismo spiegato a mia figlia”, e al messaggio profondo che contiene, gli è stato conferito dal segretario delle Nazioni Unite il Global Tolerance Award.

Alice Turiani

© Riproduzione Riservata
Commenti
Precedente

Perché “Le parole del Re Inca” di Fabrizio Bozzini è un libro da leggere

“Anna”, la serie tv tratta dall’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti

Successivo