Gli aforismi del filosofo

Arthur Schopenhauer, le frasi e gli aforismi celebri

In occasione dell’anniversario di nascita di Arthur Schopenhauer, vi proponiamo una selezione dei sui aforismi più conosciuti
Arthur Schopenhauer, le frasi e gli aforismi celebri

Arthur  Schopenhauer, filosofo tedesco, è stato uno dei maggiori pensatori del XIX secolo e dell’epoca moderna. Nato a Danzica, nel 1778, Arthur  Schopenhauer ebbe un’infanzia turbolenta e una famiglia difficile. Seguì gli studi di filosofia fino ad abilitarsi alla libera docenza. Dopo aver pubblicato le sue prime opere (il mondo come volontà e rappresentazione, 1819), iniziò a delineare sempre di più la sua filosofia, contrastando soprattutto l’idealismo di Hegel.

Influenzato dalla filosofia di Platone, dal Romanticismo, Kant e la filosofia buddista, il suo pensiero esistenzialista lo portò a sviluppare una forte e profonda riflessione sulla vita dell’uomo e sulle menzogne presenti in questa. Da qui lo sviluppo di un forte pessimismo e una critica accesa verso tutte quelle che consideriamo “certezze”.

Centrale alla sua filosofia infatti, è il velo di Maya, parvenza ed illusione della realtà. Ciò che ci circonda, diventa così, qualcosa di totalmente soggettivo.

Presa coscienza del dolore, inevitabile nelle nostre vite, possiamo ricorrere ad un’unica via di liberazione: l’arte. Attraverso l’arte siamo in grado di rappresentare le forme pure, le idee, ponendoci superiori al dolore.

10 bellissime frasi del filosofo Arthur Schopenhauer

Più intelligenza avrai più soffrirai.

La vita umana è come un pendolo che oscilla incessantemente fra noia e dolore, con intervalli fugaci, e per di più illusori, di piacere e gioia.

I veri grandi spiriti costruiscono, come le aquile, i loro nidi a grandi altezze nella solitudine.

La musica, intesa come espressione del mondo, è una lingua universale al massimo grado, e la sua universalità sta all’universalità dei concetti più o meno come i concetti stanno alle singole cose.

Il compito non è vedere quanto nessuno ha visto ancora, ma pensare quello che ancora nessuno ha pensato su ciò che tutti vedono.

La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.

Senza libri lo sviluppo della civiltà sarebbe stato impossibile. Essi sono il motore del cambiamento, finestre sul mondo, “Fari, – come disse il poeta – eretti nel mare del tempo”. Essi sono compagni, insegnanti, maghi, banchieri dei tesori del mondo, i Libri sono l’umanità stampata.

Essere consapevoli di ciò che si prova dentro di sé, senza sentirsi sbagliati, è il passo fondamentale per essere padroni di se stessi.

La filosofia è un’alta strada alpina, a essa conduce solo un ripido sentiero su pietre appuntite e rovi pungenti; è un sentiero solitario e diventa sempre più deserto quanto più si sale, e chi lo percorre non deve conoscere spavento, ma deve lasciarsi tutto alle spalle e di buon animo aprirsi da sé la via nella fredda neve.

Una briciola di volontà pesa più di un quintale di giudizio e persuasione.

 

 

Stella Grillo

© Riproduzione Riservata
Commenti