ancora epurazioni

Turchia, mandato d’arresto per altri 47 giornalisti

L'agenzia Anadolu ha rivelato che almeno un giornalista, l'ex editorialista Zaman Sahin Alpay, è stato arrestato mercoledì scorso

MILANO – Il governo turco ha emesso un mandato per la detenzione di altri 47 giornalisti. Sono tutti ex dirigenti e giornalisti di alto livello del quotidiano Zaman. L’agenzia Anadolu ha rivelato che almeno un giornalista, l’ex editorialista di Zaman Sahin Alpay, è stato arrestato mercoledì scorso. Le persone sono accusate di presunti legami con la rete di Fethullah Gulen, incolpato da Ankara per il fallito golpe. Il 25 luglio scorso erano stati arrestati altri 42 giornalisti.

GLI ARRESTI – Zaman, che è stato legato al movimento religioso guidato dal religioso Fethullah Gülen, è stato perquisito dalla polizia e sequestrato dal governo a marzo. All’inizio di questa settimana, sono stati emessi mandati contro 47 altri giornalisti, di cui 16 sono stati arrestati per essere interrogati.

LA REPRESSIONE – La detenzione dei giornalisti e le purghe su larga scala dei funzionari hanno sollevato preoccupazioni circa una possibile caccia alle streghe dopo il tentativo di colpo di stato violento del 15 luglio che ha ucciso circa 290 persone. Il Presidente Recep Tayyip Erdogan ha arrestato 13.000 persone dopo il golpe che non è riuscito a rovesciarlo. Decine di migliaia di altri dipendenti statali con presunti collegamenti a Gulen sono stati sospesi dai loro posti di lavoro in settori quali l’istruzione, l’assistenza sanitaria, il governo della città ma anche la Turkish Airlines.

© Riproduzione Riservata
Commenti