una lunga carriera labourista

E’ morto Shimon Peres, il Nobel per la Pace israeliano

L'ex presidente israeliano Shimon Peres è morto a 93 anni, due settimane dopo aver subito un ictus

MILANO – L’ex presidente israeliano Shimon Peres è morto a 93 anni, due settimane dopo aver subito un ictus. L’uomo che ha guidato la politica della sua nazione per decenni, era stato ricoverato in ospedale il 13 settembre ed i medici avevano scelto di indurgli il coma farmacologico.  Domani la salma dello statista sarà esposta alla Knesset, il parlamento israeliano mentre venerdì ci saranno i funerali, per cui sono attesi Obama, i Clinton e il premier canadese Trudeau.

LA CARRIERA – Nel corso della sua lunga carriera ha tenuto praticamente ogni carica politica di alto livello in Israele, tra cui i mandati come primo ministro (nei periodi 1984-1986 e 1995-1996), nonché come ministro degli Esteri (1986-1988, 1992-1995 e 2001-2002), della difesa, dei trasporti, delle finanze. Una carriera tra alti e bassi fino alla nomina nel 2007 a capo dello Stato. Peres entrò in carica dal successivo 15 luglio sino al 24 luglio 2014. A partire dal 1º gennaio 2013 è stato il capo di Stato più anziano del mondo

IL LABOURISTA –  E’ stato a lungo esponente di primo piano del Partito Laburista Israeliano, del quale è stato leader ininterrottamente dal 1977 al 1992 e successivamente a più riprese sino al 2005. Nel 1997 ha fondato il “Peres Center for Peace”.

IL NOBEL – Nel 1994 Peres ottiene il Premio Nobel per la Pace insieme a Yitzhak Rabin e Yasser Arafat per l’impegno nel processo di pace nel Vicino Oriente, culminato con gli Accordi di Oslo.

© Riproduzione Riservata
Commenti