”Bookshow”, il nuovo programma di Sky Arte HD porta in tv l’emozione della lettura

Le parole di un libro, lette e interpretate da un attore, scandiscono le immagini di un filmato che racconta una città italiana diversa a ogni puntata. Questa l'idea che sta dietro al nuovo programma di Sky Arte HD, ''Bookshow''...

A ogni puntata un grande attore ci conduce per le vie di una città italiana accompagnandoci con la lettura di un libro. Nella prima puntata, in onda domenica, Carolina Crescentini ha guidato i telespettatori per Roma leggendo “Open” di Agassi

MILANO – Le parole di un libro, lette e interpretate da un attore, scandiscono le immagini di un filmato che racconta una città italiana diversa a ogni puntata. Questa l’idea che sta dietro al nuovo programma di Sky Arte HD, “Bookshow”, prodotto dal direttore di minimum fax Daniele Di Gennaro e scritto da Marica Stocchi, Mattia Cianflone e Donato Dallavalle, per la regia di Duccio Cimatto. Nella prima puntata, andata in onda domenica e trasmessa in anteprima al Salone di Torino sabato, l’attrice romana Carolina Crescentini ha percorso la sua città leggendo le pagine di uno dei libri che più hanno saputo conquistare il cuore dei lettori negli ultimi tempi, “Open” di Andre Agassi.

LA LETTURA, UN’ESPERIENZA EMOZIONALE – Il punto di forza del programma consiste appunto nel far uscire i libri dai luoghi consueti, nel portarli per strada, nel fare dell’esperienza di lettura un happening. A ciò si aggiunge che ad accompagnarci in questo viaggio sono sempre testimonial d’eccezione – Carolina Crescentini, Filippo Timi, Neri Marcorè, Fausto Paravidino, Francesca Inaudi, Marina Massironi, Paola Minaccioni, Alessandro Preziosi -, attori che facendosi interpreti della storia ci aiutano a calarci nel fascino del racconto. La scommessa è riuscire a catturare l’attenzione del pubblico attraverso un nuovo modo, emozionale, di parlare dei libri, che mira a creare un coinvolgimento emotivo attorno all’esperienza della lettura, troppo spesso vista come un’attività asettica, intellettuale, noiosa.

L’IGNORANZA È UN’OCCASIONE – Oltre ai reading degli autori, il programma prevede anche una serie di giochi, tra cui quello di Paolo Calabresi, unica presenza fissa di “Bookshow”, che ferma i passanti per le vie della città e fa loro domande riguardo i classici della nostra letteratura. Ribaltando il consueto schema dei quiz televisivi, a vincere è in questo caso chi non sa rispondere. Chi sbaglia infatti riceve in regalo il libro in questione: un modo per spezzare una concezione punitiva della cultura che abbiamo preso a scuola. Non sapere non è una vergogna, ma un’occasione per imparare.

22 maggio 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti