Sei qui: Home » Poesie » “Consigli per una donna forte”. Una poesia per la prima donna Premier italiana
Il potere alle donne

“Consigli per una donna forte”. Una poesia per la prima donna Premier italiana

Vogliamo donare una poesia a Giorgia Meloni, la prima donna Premier italiana incaricata. "Consigli per una donna forte" uno stimolo per un Governo che si impegni per i diritti di tutte le donne

I Consigli per una donna forte sono essenziali e immaginiamo apprezzati. Le poesie contengono conoscenza, esperienza, sensibilità, in poche parole sono il dono più grande che si possa ricevere. 

Eliminando qualsiasi strumentalizzazione legata al partito politico d’appartenenza e senza voler prendere posizione a favore di questa o quell’altra forza politica, vogliamo dare il nostro “in bocca al lupo”a Giorgia Meloni, la prima Presidente del Consiglio della storia della Repubblica Italiana.

Lo vogliamo fare a modo nostro, utilizzando le parole di una poesia: Consigli per una donna forte di Gioconda Belli. Naturalmente, questa è una nostra scelta. Un tributo ad una donna che diventa Premier ci appare dovuto.

Una premier donna un’opportunità per la parità di genere

Una donna alla guida del Governo italiano potrebbe portare quella sensibilità femminile utile ai diritti delle donne e alla parità di genere. Ci auspichiamo maggior tutela delle donne, molte volte vittime della vile violenza verbale e fisica degli uomini.

Naturalmente, l’autrice non è stata coinvolta in questa scelta. E’ una nostra iniziativa che ci appare dovuta, anche perché il nostro progetto è da sempre al fianco di tutte le donne nessuna esclusa. Quando le donne raggiungono obiettivi importanti noi siamo felici.

Ma chi è Gioconda Belli?

Poeta e romanziera nata a Managua, in Nicaragua, nel 1948 da una famiglia di origine italiana dell’alta borghesia nicaraguense, con un passato rivoluzionario.

Nel 1970, con altri intellettuali, Gioconda Belli inizia ad avere contatti con il gruppo rivoluzionario Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale, contro il regime dittatoriale di Anastasio Somoza Debayle.

Gioconda Belli - Consigli per una donna forte

Gioconda Belli ha partecipato attivamente alla rivoluzione del suo Paese, ha conosciuto l’esilio e al ritorno dopo la vittoria dei sandinisti le furono affidati importanti incarichi istituzionali. Ma, Gioconda inizia ad avere divergenze col partito e sente il bisogno di dimettersi dalle cariche e ripensare alla sua vita.

Nel 1984 incontra un “gringo”, un giornalista americano, Carlos (Charlie Castaldi) di origine italiana, che il partito le vieta di frequentare. Ma Gioconda Belli lo sposa nel 1987 e inizia la sua seconda vita, divisa tra l’America e il Nicaragua, dedita soltanto alla famiglia e alla letteratura.

Gioconda Belli una storia al servizio di tutte le donne

Nei suoi scritti Gioconda Belli presenta la donna nuova che, attraverso un difficile e doloroso cammino di emancipazione, riesce a superare il tradizionale ruolo femminile, a mettere in discussione il rapporto uomo-donna.

Tutta la sua opera racconta la lunga storia dell’emancipazione della donna in una comunità di cultura cattolica, fortemente maschilista, del rapporto con la società e l’impegno politico.

La scrittrice, inoltre, riprende gli antichi insegnamenti delle culture preispaniche e mette di rilievo il rapporto della donna con la natura, elemento che si relaziona con la lotta rivoluzionaria per la difesa della terra di appartenenza e il secolare conflitto per la riforma della terra delle comunità indigene.

Consigli per una donna forte – Gioconda Belli

Se sei una donna forte
proteggiti dalle bestie che vorranno nutrirsi del tuo cuore.
Usano tutti i travestimenti del carnevale della terra:
si vestono da sensi di colpa, da opportunità,
da prezzi che si devono pagare.

Non per illuminarsi con il tuo fuoco
ma per spegnere la passione
l’erudizione delle tue fantasie
Non perdere l’empatia, ma temi ciò che ti porta a negarti la parola,
a nascondere chi sei,
ciò che ti obbliga a essere remissiva
e ti promette un regno terrestre in cambio
di un sorriso compiacente.

Se sei una donna forte
preparati alla battaglia:
imparare a stare sola
a dormire nella più assoluta oscurità senza paura
che nessuno ti tiri una fune quando ruggisce la tormenta
a nuotare contro corrente.

Educati all’occupazione della riflessione e dell’intelletto.
Leggi, fai l’amore con te stessa, costruisci il tuo castello, circondalo di fossi profondi però fagli ampie porte e finestre.
E’ necessario che coltivi grandi amicizie
che coloro che ti circondano e ti amano sappiano chi sei,
che tu faccia un circolo di roghi e accenda al centro della tua stanza
una stufa sempre accesa dove si mantenga l’ardore dei tuoi sogni.

Se sei una donna forte proteggiti con parole e alberi
e invoca la memoria di donne antiche.
Fai sapere che sei un campo magnetico.
Proteggiti, però proteggiti per prima.
Costruisciti. Prenditi cura di te.
Apprezza il tuo potere.

Difendilo.

Fallo per te:
Te lo chiedo in nome di tutte noi.

© Riproduzione Riservata