Pubblicità bocciata in italiano. Famosa azienda assicurativa invita a ”risparmare”

Oggi anche i pubblicitari hanno bisogno di un correttore di bozze. E’ il caso di una famosa azienda di servizi finanziari tedesca...

Su diversi portali online appare un banner pubblicitario che promuove la nuova offerta di una nota azienda assicurativa contenente un grave errore ortografico. Svista consapevole o errore da “matita rossa”?

MILANO – Oggi anche i pubblicitari hanno bisogno di un correttore di bozze. E’ il caso di una famosa azienda di servizi finanziari tedesca, specializzata in servizi assicurativi, autrice di un banner visibile su diversi famosi quotidiani online e contenente un errore da “matita rossa”: scrivere la parola “risparmare” invece di “risparmiare”.

INVITO A ‘’RISPARMARE’’ – All’interno del banner che pubblicizza la nuova promozione della celebre compagnia assicurativa, visibile oggi su diversi portali online ad alto traffico di visitatori, compare come claim la seguente scritta: “scopri subito quanto puoi risparmare”. La stranezza? Scrivere “risparmare” senza la “i”. Invitano a risparmiare i propri clienti, iniziando gia’ loro a dare il buon esempio, risparmiando su chi dovrebbe controllare i testi delle loro pubblicita’ prima di metterle online?

MAGGIORE CONTROLLO – Un tempo, per indicare una persona precisa, si usava l’espressione “mettere i puntini sulle i”. Oggi, invece, per indicare l’esatto opposto, non solo non si mettono i puntini sulle “i”, ma si cancella completamente la vocale. Non solo giornalisti, blogger e conduttori televisivi. Oggi anche i pubblicitari commettono errori grossolani. Trattasi di errore oppure di semplice gioco di parole, giocando appunto con il significato della parola “risparmiare”, partendo gia’ dalla scrittura della parola? Sicuramente, un controllo in piu’ prima di comunicare le proprie promozioni non farebbe male.

13 febbraio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti