Women’s Fiction Festival, la kermesse letteraria dedicata alla letteratura rosa

Dopo il successo delle precedenti edizioni, l'Associazione Women's Fiction Festival propone, seguendo il format già consolidato, quattro giorni dedicati alla letteratura femminile...

Inizia domani a Matera  la nona edizione del Festival internazionale di narrativa femminile

MILANO – Dopo il successo delle precedenti edizioni, l’Associazione Women’s Fiction Festival propone, seguendo il format già consolidato, quattro giorni dedicati alla letteratura femminile.  Il Women’s Fiction Festival, in programma a Matera dal 27 al 30 settembre, comprende un Congresso internazionale per scrittori, master class condotte da scrittrici best seller, “Briefings for thriller writers” dedicati ai giallisti, appuntamenti a tu per tu tra scrittori, editor, agenti letterari e consulenti editoriali, incontri con il pubblico, happy hour, concerti e premiazioni letterarie.

LEGGO DI GUSTO – Ogni anno il Women’s Fiction Festival propone un tema su cui dibattere insieme ai protagonisti della kermesse letteraria. Il tema della prossima edizione è “Leggo di gusto”. Variegato, complesso, utile e curioso: è il rapporto del libro con il cibo. Nella letteratura di ogni tempo ci sono pagine in cui si racconta di sapori e piaceri, nutrimenti e tentazioni, peccati e passioni. Descrizioni barocche di ricche e sontuose tavole imbandite, pranzi pantagruelici, cibo spazzatura, fantasie compensatorie: c’è un cibo per ogni tempo e per ogni cultura. Al Women’s Fiction Festival si rende omaggio al gusto di leggere e al leggere di gusto, con incontri e presentazioni di libri dedicati al cibo, laboratori di cucina e aperitivi a Km 0 dove gustare i sapori della gastronomia locale.

GLI INCONTRI – Come ogni anno, il Women’s Fiction Festival porta i libri nelle piazze, tra la gente, e quest’anno anche nelle case, con presentazioni, dibattiti e tavole rotonde sul cibo, sull’editoria digitale, sul mondo del lavoro, dei sentimenti e dei personaggi storici e sulla condizione femminile. Tra gli ospiti Stefania Barzini (La scrittrice cucinava qui, Gribaudo), Licia Granello (Il gusto delle donne, Rizzoli); Francesca Romana Barberini, autrice e conduttrice Tv del Gambero Rosso, (Il mio papà è un chef, Guido Tommasi Editore-Datanova). E ancora: Giuseppina Torregrossa (Panza e prisenza, Mondadori), Raethia Corsini (Spiriti bollenti, Guido Tommasi Editore-Datanova); Lara Florand, che presenterà Ladra di cioccolato, Leggereditore, in concomitanza con l’uscita del suo romanzo nelle librerie italiane.

BIBLIOTECHE E ROMANZI STORICI – Oltre al cibo, sotto i riflettori anche la lettura e le biblioteche, con la presentazione del libro “Caro sindaco, parliamo di biblioteche” di Antonella Agnoli (editrice Bibliografica). Con lei interverranno Salvatore Adduce, sindaco di Matera, Valeria Russillo, sindaco di Picerno, Vito Santarsiero, presidente Anci Basilicata, Franco Stella, presidente Provincia di Matera, Vincenzo Viti, assessore alla Cultura Regione Basilicata. Si parlerà poi di romanzi storici con Rita Charbonnier (Le due vite di Elsa, Piemme) e Carla Maria Russo (La regina irriverente, Piemme), protagoniste, insieme al loro editor Lara Giorcelli, dell’incontro: "Gli affreschi femminili nei romanzi storici".

DIGITALE E LETTERATURA ROSA – A un anno dalla nascita della casa editrice digitale Emma Books e dalla presentazione al WFF 2011, Laura Randazzo, Isabella Giacometti ed Elisabetta Flumeri racconteranno la loro esperienza di autrici digitali scoperte proprio al congresso internazionale per scrittori del WFF 2011. Di destini affamati, amore e serendipity parleranno Paola Calvetti (Olivia, Mondadori) e Patrizia Violi (Affari d’amore, Baldini&Castoldi), condotte dalla giornalista scrittrice Cinzia Leone, insieme a Manuela Taratufolo, segretario della Cgil di Matera, e a Catherine McNamara, autrice di "The Divorced Lady’s Companion to Living in Italy" (Indigo Dreams Publishing). Spazio sarà dato anche al romanzo erotico di Simona Liubicich (Seduzione e vendetta, Harlequin Mondadori) e al saggio di Marina Terragni (Un gioco da ragazze, Rizzoli) intervistata dall’editorialista di Repubblica, giornalista e scrittore, Filippo Ceccarelli.

LE ORIGINI DEL FESTIVAL – L’idea di un festival letterario dedicato alla narrativa femminile è stata concepita durante una conversazione telefonica di lavoro, nel lontano 2004. Da un capo, la scrittrice e traduttrice Elizabeth Jennings, americana di nascita e materana d’adozione, dall’altro Maria Paola Romeo, all’epoca responsabile editoriale di Harlequin Mondadori ed esperta di narrativa femminile. Il ritiro creativo per scrittrici, nei Sassi di Matera, nacque così, per puro caso, e la palla fu subito colta al balzo. Contagiati dalla originalità dell’idea e determinati a valorizzare una città in gran fermento, sposarono l’iniziativa Mariateresa Cascino, materana, con anni di studio e lavoro nell’ambito della comunicazione, in Italia e all’estero, e Giovanni Moliterni, proprietario della Libreria dell’Arco di Matera. Il desiderio era di portare scrittori e scrittrici da tutto il mondo a Matera, per incontrarsi e confrontarsi sul mestiere di scrivere, per condividere momenti dedicati alla professione e all’ispirazione creativa e, perché no, anche agli incontri con i lettori.

 

26 settembre 2012

© Riproduzione Riservata
Commenti