Veronica Pivetti ad Anteprime, ”Nel mio prossimo libro racconterò i piccoli traumi della mia infanzia”

DAL NOSTRO INVIATO A PIETRASANTA - Piccoli traumi quotidiani: ecco cosa forma i nostri caratteri secondo Veronica Pivetti, che presenta a Pietrasanta il suo prossimo libro che si chiamerà ''Sassolini''...
PIETRASANTA – Piccoli traumi quotidiani: ecco cosa forma i nostri caratteri secondo Veronica Pivetti, che presenta a Pietrasanta il suo prossimo libro che si chiamerà “Sassolini”. Dopo il successo del suo precedente libro che parlava della depressione che ha attanagliato l’attrice tra il 2002 e il 2008, Veronica Pivetti torna a parlare di sé con ironia, scrivendo dei piccoli traumi che l’hanno portata ad essere quello che è diventata. 
PICCOLI TRAUMI CHE LASCIANO CICATRICI – La sua insicurezza sarebbe la derivazione di un trauma infantile: vide a sei anni una volta le sue due amichette del cuore, che la guardavano e la deridevano per qualcosa che non ha mai capito. Risultato? Ogni volta che entra in un ambiente nuovo, ha l’impressione che tutti la giudichino e sparlino di lei. E da tutta la vita ha un desiderio di piacere agli altri che ha la sua spiegazione proprio in quell’evento traumatico.  La sua diffidenza verso gli uomini? È nata vedendo una foto su “Epoca” dei massacratori del Circeo. Tutti sassolini che un bambino si ritrova in tasca e che diventano una piccola zavorra che non ti abbandona più. 
UNA PERSONA COMUNE – Veronica gioca con il pubblico, che si è un po’ diradato dopo l’ondata di piena che ha accolto Dan Brown. Lo stile “easy” dell’attrice riesce a catturare le persone, che apprezzano questa voglia di raccontare esperienze condivise un po’ da tutti, traumi che accadono prima o poi nella vita. Raccontare per dire che, insomma, anche dalla depressione si può uscire e che certi traumi sono più comuni di quanto si possa credere. Il pubblico si riconosce in quello che l’attrice racconta, la normalità di un personaggio che è sul grande e piccolo schermo e che si presenta, invece, come una dei tanti. 
‘SASSOLINI’ – Perché raccontare questi piccoli traumi? Non certo per vendetta, anche se Veronica Pivetti torna spesso a quelle amichette che adesso le scrivono “Veronica, ricordi quanto eravamo amiche da bambine?” sul profilo che i fan le hanno realizzato su Facebook, e anche se non si risparmia un “spero che Dio le fulmini!”, che suona molto di rivalsa per quel sassolino che continua a pesarle nelle tasche. Poi ci sono i sassolini messi con malevolenza, e quelli sono tutta un’altra storia. Anche di quelli, le cicatrici restano. 
Michele Morabito 
 
8 giugno 2013
 
RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti