Digital storytelling su Twitter

#TwitterFiction Festival, fra i finalisti un progetto italiano dedicato a Cesare Pavese

Il progetto italiano @TwLetteratura è stato selezionato fra i partecipanti ufficiali della seconda edizione del ‪#TwitterFiction Festival...

MILANO – Il progetto italiano @TwLetteratura è stato selezionato fra i partecipanti ufficiali della seconda edizione del ‪#TwitterFiction Festival, un evento di digital storytelling sponsorizzato dalla Association of American Publishers, da Penguin Random House, e da Twitter che si svolgerà dal 12 al 16 marzo a New York e in diretta mondiale su Twitter.

FONTE DI CREATIVITA’ – Quando si tratta di twittare delle storie, Twitter è una fonte inesauribile di creatività. Le proposte di quest’anno hanno fatto uso di tecniche diverse quali visual storytelling, crowd-sourcing e racconti multi-personaggio. L’evento sarà una vetrina per oltre 50 soggetti provenienti da 11 Paesi, che twitteranno le loro storie in inglese, spagnolo e italiano. Ci sono scrittori di ogni tipo: dai giornalisti, agli autori, dai blogger ai poeti, fino agli esordienti. I generi esplorati sono i più disparati: horror, rosa, thriller, umoristico, fantascienza, teatro, poesia e realismo.

SCRITTURA TRANSMEDIALE – La selezione di @TwLetteratura all’interno di questo straordinario evento di scrittura transmediale lo rende un ‘featured storyteller’ vale a dire un autore che partecipa a pieno titolo al festival a fianco di autori sia affermati che emergenti. “Twitteratura” nasce da un’idea di  Paolo Costa, Edoardo Montenegro, e Pierluigi Vaccaneo con lo scopo di promuovere nuove forme di scrittura, ri-lettura e valorizzazione del patrimonio letterario italiano in 140 caratteri. Dopo il grande successo di attività come ‪#TwSposi e ‪#TwiFavola (solo per citarne alcuni), il gruppo piemontese è stato selezionato dalla giuria del ‪#TwitterFiction Festival, con un progetto dedicato all’opera di Cesare Pavese (@PaveseCesare).

LA SCELTA – “Abbiamo scelto Cesare Pavese perché, insieme a Raymond Queneau e a Italo Calvino, è all’origine della riflessione che da due anni svolgiamo sulla relazione fra social network e letteratura – spiegano gli autori sul loro sito – Inoltre, Pavese fu il più grande traduttore della letteratura americana in Italia nei cupi anni del Fascismo, portando nel nostro paese le opere – fra gli altri – di John Steinbeck e Herman Melville, Sinclair Lewis e Scherwood Anderson”. L’attività sarà guidata dagli ideatori, ma il suo funzionamento si basa sulla partecipazione attiva di tutti gli utenti durante i giorni del Twitter Fiction Festival.

ADESIONE ITALIANA – Il Twitter Fiction Festival ha vantato una fenomenale adesione di scrittori italiani (a poche ore dalla chiusura delle iscrizioni l’Italia è risultata essere la seconda nazione per numero di partecipanti a livello mondiale, dietro solo agli Stati Uniti) che in queste settimane hanno sottoposto alla giuria le proprie idee con la speranza di essere scelti in qualità di partecipanti ufficiali.

6 marzo 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti