Tutto pronto a Bologna per Artefiera 2014

Sono 172 le gallerie che parteciperanno ad Arte Fiera 2014, con una crescita record di oltre il 25% rispetto alle edizioni del 2013 e del 2012. E' con questa notizia che i presidenti di BolognaFiere Duccio Campagnoli, il Presidente di Ascom, Enrico Postacchini, e il direttore dell'Istituzione Bologna Musei Gianfranco Maraniello hanno incontrato i direttori delle gallerie Bolognesi...

ARTEFIERA 2014: dal 24 al 27 gennaio a Bologna 172 gallerie, 1500 opere di oltre 1100 artisti italiani e internazionali

 

MILANO – Sono 172 le gallerie che parteciperanno ad Arte Fiera 2014, con una crescita record di oltre il 25% rispetto alle edizioni del 2013 e del 2012. E’ con questa notizia che i presidenti di BolognaFiere Duccio Campagnoli, il Presidente di Ascom, Enrico Postacchini, e il direttore dell’Istituzione Bologna Musei Gianfranco Maraniello hanno incontrato i direttori delle gallerie Bolognesi, nuovamente quasi tutti presenti ad Arte Fiera, per preparare anche il loro impegno per il programma di ART CITY Bologna, con i percorsi culturali di mostre e iniziative e la loro apertura straordinaria, durante l’ART CITY White Night del 25 gennaio. Alle 172 gallerie divise nelle 5 sezioni della manifestazione (Moderno e Contemporaneo, Solo show, Focus sull’Est Europa, Fotografia e Nuove Proposte) si aggiungono inoltre più di trenta fra case editrici, librerie specializzate in arte e istituzioni museali.

UNA FIERA COMPETITIVA – “La crescita di partecipazione ad Arte Fiera è ancora più importante – ha osservato il presidente di BolognaFiere Duccio Campagnoli – perché è il risultato della nuova impostazione promossa dai direttori artistici come fiera curatoriale. In questo modo Arte Fiera torna ad essere l’appuntamento di riferimento per il mondo dell’arte moderna e contemporanea, che valorizzando le gallerie partecipanti propone temi e percorsi al mercato e al sistema dell’arte: oltre che fiera, quindi, è un grande evento culturale”, hanno evidenziato il presidente Campagnoli ed i direttori artistici Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni.

L’OTTOCENTO E LA FOTOGRAFIA – Arte Fiera cresce, infatti, non solo confermandosi come la principale manifestazione italiana per l’arte moderna e contemporanea, ma anche con le nuove sezioni dedicate alla inedita connessione dell’arte moderna con gli autori della seconda metà dell’800, alla nuova sezione di fotografia realizzata in collaborazione con MIA Fair di Milano e con l’iniziativa tutta nuova del focus dedicato all’arte dell’Est Europa con le gallerie che partecipano e si dedicano a questo tema specifico.

 

COLLEZIONISMI – In questo ambito tema Arte Fiera realizza per la prima volta anche un inedito rapporto con il grande collezionismo privato che consentirà di far proseguire la manifestazione con una mostra in città, realizzata con le opere prestate da alcuni tra i più importanti collezionisti italiani (per citarne alcuni Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Fondazione Nicola Trussardi, la Collezione Enea Righi, Collezione La Gaia di Torino, Collezione Maramotti) e gli artisti internazionali (Ilya Kabakov, Vyatscheslav Akhunov, Jiri Kovanda, Julius Koller, Ion Grigorescu, Nedko Solakov, Deimantas Narkevicius, Mircea Cantor). Si tratta di “Arte Fiera Collezionismi – Il piedistallo vuoto. Fantasmi dall’Est Europa” che verrà inaugurata assieme ad Arte Fiera, il 23 gennaio, per proseguire fino al 16 marzo nei locali del Museo Civico Archeologico di Bologna con le opere di oltre 40 importanti artisti provenienti da 20 Paesi dell’area dell’Est Europa e dell’ex Unione Sovietica.

L’ARTE INVADE BOLOGNA – Gianfranco Maraniello, direttore dell’Istituzione Bologna Musei, che coordina ART CITY – programma di iniziative che nelle giornate di fiera coinvolgono le istituzioni museali e culturali di Bologna come luoghi d’arte teatro di una serie di mostre e appuntamenti speciali – ha commentato: “Sarà una grande festa della cultura, come è ormai tradizione a Bologna grazie all’entusiasmo dei soggetti pubblici e privati che aderiscono ad ART CITY e che, insieme, rendono popolare anche la più avanzata arte contemporanea”.

 

23 gennaio 2014

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti