Sul Corriere lo scrittore australiano Peter Carey parla del suo nuovo romanzo ”La chimica delle lacrime”

RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA - La prima pagina di cultura del Corriere della Sera di oggi propone un'intervista a Peter Carey, il famoso scrittore australiano, in occasione dell'uscita del suo nuovo romanzo ''La chimica delle lacrime''...
La Stampa propone la presentazione del libro del politologo e studioso della cultura tedesca Gian Enrico Rusconi “Marlene e Leni”
 
RASSEGNA STAMPA QUOTIDIANA – La prima pagina di cultura del Corriere della Sera di oggi propone un’intervista a Peter Carey, il famoso scrittore australiano, in occasione dell’uscita del suo nuovo romanzo “La chimica delle lacrime”.  La Stampa presenta invece, a cura di Francesca Sforza, il nuovo romanzo di Gian Enrico Rusconi “Marlene e Leni”, una biografia parallela di Marlene Dietrich e Leni  Riefenstahl che aiuta a comprendere meglio la realtà della Germania degli anni Trenta. 
 
CAREY E LA  LETTERATURA AUSTRALIANA – Alessandra Farkas ha intervistato per Il Corriere della Sera il noto scrittore australiano Peter Carey, in occasione dell’uscita oggi nelle librerie del suo nuovo romanzo edito da Bompiani “La chimica delle lacrime”. Il libro narra le vicende della quarantenne museologa Catherine Gehrig e del nobile inglese Henry Brandling, vissuto nel XIX secolo, in un intrecciarsi di situazioni di amore, lutto, tradimenti. L’autore spiega come per tutte le sue opere tragga ispirazione da fatti e personaggi reali, reinventandoli e “plasmandoli come fossero creta”. Carey descrive poi il suo iter professionale, spiegando come abbia iniziato dal mondo della pubblicità, passando per il cinema, sino ad approdare definitivamente alla letteratura. Sottolinea come la sua educazione letteraria sia avvenuta soltanto in età adulta, e  cita tra i suoi autori più amati nomi del calibro di Joyce e Beckett. Un posto di rilievo è dedicato poi a De Toqueville, personaggio che ha fatto rivivere anche in molti suoi scritti. Interessante è la sua riflessione circa la letteratura australiana. Carey spiega come gli scrittori australiani siano molto quotati e  famosi nel loro Paese, ma poco conosciuti all’estero perché penalizzati da traduttori poco virtuosi e  non adeguatamente supportati dalle case editrici. 
 
MARLENE E LENI, VOLTI INSOLITI DELLA GERMANIA NAZISTA – La prima pagina di cultura de La Stampa di oggi è dedicata alla presentazione, a cura di Francesca Sforza, di “Marlene e Leni” il nuovo libro del politologo e studioso della cultura tedesca Gian Enrico Rusconi. Attraverso la presentazione delle due biografie parallele, Rusconi ha voluto indagare i retroscena della Germania degli anni Trenta. Le due dive hanno infatti attraversato l’intero Novecento, intessendo rapporti con personaggi molto influenti dell’epoca, da  Adolf Hitler a Erich Maria Remarque. Le vite delle due donne, entrambe provenienti dalla piccola borghesia berlinese, descrivono bene lo spirito del tempo. Nonostante la Riefenstahl fosse stata tacciata di essere vicino al regime, poiché realizzò, come regista, film e fotografie inneggianti alle idee del nazismo, fu tuttavia, come la Dietrich, una impolitica. Le due, seppur rivali, erano guidate da un forte spirito comune di emancipazione e riscatto personale. 
 
ALTRE NOTIZIE – Tra le altre notizie segnaliamo, su Il Messaggero e Il Giorno la notizia riguardante l’imminente apertura del portale on line dedicato alla Prima Guerra Mondiale, che conterrà oltre 56 mila reperti della Grande Guerra digitalizzati. Il Giornale propone come anticipazione una lettera di Emil Cioran all’amico Petre Comarnescu, contenuta nel volume di prossima uscita “Lettere al culmine della disperazione”, a cura di Giovanni Rotiroti. Un’altra anticipazione è quella offerta da Repubblica e relativa al nuovo romanzo di Gianni Mura “Tanti amori”, dedicato a mondo dello sport. Libero presenta invece “SAK. Søren Aabye Kierkegaard”, biografia del filosofo danese a cura di Joakim Garff, edita da Castelvecchi.  
 
8 maggio 2013
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Commenti